Private equity, Futurimpresa lancia fondo da 80 mln per Pmi

lunedì 15 febbraio 2010 13:57
 

MILANO, 15 febbraio (Reuters) - Un fondo con una dotazione di 80 milioni di euro per sostenere le piccole e medie imprese lombarde.

E' l'iniziativa promossa da Futurimpresa Sgr, società costituita dalla Camera di Commercio di Milano, insieme agli organismi omologhi di Bergamo, Brescia e Como.

La Sgr e il fondo sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa, che ha visto la partecipazione di Bruno Ermolli, presidente di Parcam (holding della Camera di Commercio di Milano), Francesco Micheli, presidente di Futurimpresa, e Luigi Glarey, amministratore delegato della Sgr.

Il capitale di Futurimpresa vede Parcam al 55%, la Camera di Commercio di Bergamo al 18%, quella di Brescia al 18% e quella di Como al 9%.

Il fondo, denominato Finanza e Sviluppo Impresa, avrà una dotazione di 80 milioni. Il 50% è stato sottoscritto dai promotori; per quanto riguarda l'altra metà, ha spiegato Ermolli, "siamo in fase di raccolta" e gli interlocutori sono investitori istituzionali, come Fondazioni e banche.

Il fondo, ha aggiunto Ermolli, "è lo strumento delle Camere di commercio per sviluppare il tessuto imprenditoriale". Micheli ha spiegato che l'obiettivo è fornire "la spinta per quei micro-interventi che servono per invertire la rotta" della crisi.

Micro-interventi, in quanto l'ammontare medio degli investimenti sarà di 3 milioni, esclusivamente equity: "la leva è vietata", ha detto Glarey. La vita media degli investimenti, che saranno di minoranza, sarà di 5 anni. All'imprenditore verrà garantita un'opzione put, che gli consentirà di ricomprare la quota del fondo, e sarà riconosciuta una clausola di earn-out del 20% in caso di vendita della partecipazione di Finanza & Sviluppo Impresa.

L'AD ha sottolineato "la capacità di origination (dei deal) delle Camere di Commercio", che ha già prodotto un'attività di selezione di potenziali investimenti nelle settimane scorse, e ha riferito che verranno costituiti "comitati locali, formati da persone radicate nel territorio", per lo scouting.

Per quanto riguarda le garanzie di governance, fondamentali per i fondi che fanno investimenti di minoranza, Glarey ha detto che Futurimpresa metterà nei cda delle aziende "consiglieri per portare valore aggiunto", manager che "resteranno anche quando il fondo uscirà dal capitale".   Continua...