15 febbraio 2010 / 11:21 / 8 anni fa

PUNTO 1 - Scudo,a Private bank 46% asset, 85% rimpatri effettivi

(aggiunge dettagli)

MILANO, 15 febbraio (Reuters) - Il private banking italiano ha attratto 44 dei 95 miliardi di euro scudati dalle famiglie italiane, pari al 46% del totale. Di questi, l'85% sono stati rimpatri effettivi (fisici), il 12% rimpatri giuridici e il 3% regolarizzazioni.

E' questo il risultato di un sondaggio dell'Associazione private banking italiana (Aipb) tra i propri associati.

I 44 miliardi conquistati dal private banking italiano con lo scudo ter superano i 40,3 miliardi raccolti nel 2001-2003 nelle due precedenti edizioni dello scudo fiscale.

La percentuale del settore Private sul totale dei capitali scudati scende però rispetto alle due precedenti edizioni, passando al 46% dal 55%.

L'ufficio studi Aipb, stima che il restante 54% dei capitali si divida tra Sgr (15%), banche retail (27%) e fiduciarie (12%).

Per quanto riguarda la tipologia dei rimpatri, l'85% è stato fisico, mentre il 12% è giuridico (i capitali restano di fatto all'estero).

Il fatto che i rimpatri giuridici ammontino solo al 12% del totale si spiega, secondo l'Aipb, con la probabile scelta degli investitori di rimandare "le situazioni più complesse e meno liquide" al 2010, a causa della brevità dei termini dello scudo ter.

I capitali scudati dal private banking sono per il 72% in denaro, per il 25% in attività finanziarie e per il 3% in investimenti di natura non finanziaria (tra cui opere d'arte e gioielli), e partecipazioni.

Il taglio medio delle operazioni è stato pari a 600.000 euro per le prime dieci strutture di private banking e a 730.000 euro per gli altri operatori private. Il taglio medio per le operazioni attraverso fiduciarie di emanazione bancaria è stato di 1,2 milioni di euro. Lo studio di Aipb nota inoltre come i clienti del Private banking abbiano "preferito rivolgersi a banche diverse da quelle con cui hanno rapporti abituali". I primi dieci operatori del settore, che gestiscono il 79% degli asset totali, hanno attratto solo il 47% dei patrimoni scudati.

Una parte dello studio Aipb si concentra sulla distribuzione geografica delle operazioni.

"Rispetto alle precedenti edizioni, le operazioni di scudo sono risultate geograficamente più distribuite". In particolare la Lombardia scende al 45% delle operazioni totali, dal 63% delle ultime due edizioni, mentre salgono le quote di Italia centrale e nord-occidentale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below