Telecom It, diverse offerte in Argentina, solo 2 secondo fonte

venerdì 5 febbraio 2010 09:59
 

BUENOS AIRES, 5 febbraio (Reuters) - Diversi operatori hanno manifestato un interesse per la quota di Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione) in Telecom Argentina (TEC2.BA: Quotazione), secondo il gruppo italiano di tlc, mentre una fonte vicina alla situazione ha riferito a Reuters che solo due società sono rimaste in corsa per la partecipazione.

Secondo la fonte, due aziende hanno rispettato la scadenza di luendì scorso per presentare le offerte all'advisor Credit Suisse: Corporacion America, di proprietà di due uomini d'affari argentini Eduardo Eurnekian ed Ernesto Gutierrez, e il gruppo di logistica dell'imprenditore locale Alfredo Roman.

Secondo la fonte anonima le offerte sono comprese in un range di valore di 580-630 milioni di dollari.

Un portavoce di Telecom Italia in Argentina ha precisato che lunedì non esisteva nessuna scadenza. In un comunicato inviato in Argentina, l'operatore tlc italiano dichiara che "esiste un numero di offerenti nelle stesse condizioni. Stiamo ancora lavorando alla short list".

Telecom Italia su indicazione del governo argentino è tenuto a vendere la partecipazione nel primo operatore tlc del paese sudamericano per evitare una situazione di monopolio.

"Ci sono le offerte di Eduardo Eurnekian e Roman. Solo due hanno presentato le garanzie bancarie", ha spiegato la fonte. Gli altri pretendenti usciti dalla corsa sono, sempre secondo la fonte, il fondo di investimenti Pegasus e la società immobiliare Irsa (IRS.BA: Quotazione). Ma un'altra fonte ha precisato che Irsa è ancora interessata alla quota in Telecom Argentina. "Irsa è ancora in corsa e ha presentato tutte le garanzie".

Un tribunale argentino due giorni fa ha sospeso il provvedimento del governo argentino di vendere la quota in Telecom Argentina, secondo quanto riferito dai media locali. Il giudice aveva in precedenza accolto il ricorso di Telecom Italia contro la scadenza del 25 agosto imposta per la vendita.

La spagnola Telefonica (TEF.MC: Quotazione) oltre a essere presente nel capitale di Telecom Italia è anche azionista di controllo di Telefonica de Argentina TEA2.BA.