PUNTO 2-Intesa, Agricole e Generali non commentano voci su patto

martedì 2 febbraio 2010 12:31
 

(aggiunge background)

PARIGI, 2 febbraio (Reuters) - Credit Agricole (CAGR.PA: Quotazione) e Generali (GASI.MI: Quotazione) non commentano le indiscrezioni stampa odierne riguardanti il possibile scioglimento del patto con la compagnia triestina sul 10,9% di Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) e l'eventuale swap di asset con la banca milanese.

"No comment", è stata la replica di un portavoce alle indiscrezioni stampa. Nessun commento da parte di Generali.

Secondo quanto scrive Il Sole 24 Ore, che cita fonti legali, Credit Agricole e Generali avrebbero intenzione di sciogliere il patto, finito sotto la lente dell'Antitrust che ha aperto una procedura di inottemperanza a carico di Intesa Sanpaolo.

Secondo il quotidiano sarebbe allo studio anche uno scambio di asset che porterebbe Intesa ad acquistare attività di Agricole mentre la banca francese comprerebbe asset italiani di Intesa.

Questa operazione sarebbe una sorta di "compensazione indiretta" per la svalutazione che Agricole sarebbe costretta a registrare in bilancio sulla quota Intesa con lo scioglimento del patto.

La procedura di inottemperanza avviata dall'Antitrust su Intesa, che potrebbe costare una multa salata alla banca, ha scadenza 22 febbraio. Le parti hanno tempo fino al 7 febbraio per preparare le memorie da consegnare all'authority.

Qualche giorno fa dalla banca francese erano arrivati segnali distensivi. Ariberto Fassati, rappresentante italiano di Agricole, ha infatti dichiarato che la banca francese non desidera che Intesa venga multata e che quindi si adopererà perché questo non avvenga.

Reazione fredda in borsa per i titoli coinvolti. Intesa Sanpaolo è praticamente ferma sui valori della vigilia, Generali sale dello 0,52%, Agricole dello 0,69%.