Nomura, utili trimestrali sotto attese a causa debolezza trading

martedì 2 febbraio 2010 08:51
 

TOKYO, 2 febbraio (Reuters) - Nomura Holdings (8604.T: Quotazione), primo broker del Giappone, ha chiuso il terzo trimestre fiscale con un utile inferiore alle attese. L'aumento delle commissioni, legato alla grossa mole del collocamento azionario, non è bastato a compensare le condizioni avverse sull'attività di trading.

L'utile netto per il periodo ottobre-dicembre 2009 si è fermato a 10,2 miliardi di yen, in netto miglioramento rispetto alla perdita di 342,9 miliardi nello stesso periodo dell'anno precedente, ma decisamente lontano dai 20,1 miliardi previsti dagli analisti sentiti da Reuters.

A condizionare i risultati sull'intermediazione sono stati soprattutto la scarsa volatilità dei mercati e gli spread più stretti sui bond nel mercato domestico.

I maggiori contributi positivi invece sono arrivati dal controllo dei costi per l'integrazione delle attività euro-asiatiche di Lehman Brothers e dai collocamenti azionari di società in cerca di capitali nuovi dopo la crisi finanziaria.

Le società del Sol Levante hanno offerto una cifra record da 33,5 miliardi di yen nel trimestre, un balzo del quintuplo anno su anno.

La debolezza del risultato complessivo, e di quello sull'attività di trading in particolare, riflette le trimestrali di rivali sul mercato globale come JP Morgan (JPM.N: Quotazione), Citigroup (C.N: Quotazione) e Bank of America (BAC.N: Quotazione). La concorrente nazionale Daiwa Securities, secondo broker del Giappone, ha registrato utili inferiori alle stime avendo subito una perdita sul trading.