Sia-Ssb, oltre quindici offerte, stasera short list - fonte

lunedì 13 ottobre 2008 12:45
 

MILANO, 13 ottobre (Reuters) - Sono oltre quindici le offerte non vincolanti per acquisire il controllo di Sia-Ssb, società attiva nel processing delle carte di credito, che sono pervenute all'advisor Citigroup.

E' quanto dice una fonte vicina al dossier, aggiungendo che "entro stasera Citigroup deciderà come andare avanti". Presumibilmente, l'advisor selezionerà una short list di potenziali acquirenti, ai quali chiederà di presentare le offerte vincolanti.

La settimana scorsa, diverse fonti avevano parlato di "almeno sei offerte" per Sia-Ssb, società che fa capo a Intesa SanPaolo (ISP.MI: Quotazione), che ne controlla il 28,6%, UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) (24%), MontePaschi (BMPS.MI: Quotazione) (6,5%), Bnl (4,2%) e altri soci minori.

Fra i partecipanti all'asta, le fonti avevano indicato i gruppi di private equity Carlyle e Bridgepoint, la francese Atos Origin (ATOS.PA: Quotazione) e almeno un altro operatore industriale, vedendo Total Sys (TSS.N: Quotazione) come maggiore indiziato.

Le "oltre quindici offerte" riferite oggi dalla fonte, però, inducono a pensare che si siano fatti avanti anche altri operatori industriali, probabilmente First Data, e gruppi di private equity.

Fra questi ultimi, la settimana scorsa diverse fonti avevano indicato come fuori dalla corsa Apax Partners e Candover (CDI.L: Quotazione). Possibile che una manifestazione d'interesse sia stata inviata da Clessidra e Charterhouse. Inoltre, potrebbero figurare fra i partecipanti gli operatori esclusi dalla fase finale dell'asta per l'acquisizione di Cerved, altra società messa in vendita dalle banche, ovvero Bc Partners, Cinven, Providence e InvestIndustrial.

Secondo i conoscitori del settore dei buyout, poi, è difficile che il dossier Sia-Ssb non abbia attirato l'interesse di Investitori Associati e di un fondo specializzato in investimenti nei servizi finanziari come Advent International.

Infine, data la carenza di deal potenziali in giro per l'Europa, anche un'operazione relativamente piccola (circa 600-700 milioni di euro) come questa potrebbe aver sollecitato l'attenzione dei mega-fondi, tipo Blackstone (BX.N: Quotazione).

Sia-Ssb, guidata dall'AD Renzo Vanetti, ha chiuso il 2007 con ricavi per 389 milioni e un Ebitda di 67 milioni.