12 novembre 2008 / 12:30 / 9 anni fa

Infrastrutture, a consorzio con Impregilo concessione Tem

MILANO, 12 novembre (Reuters) - Il consorzio guidato da Tem Spa - comprendente, fra gli altri, Impregilo IPGI.MI - sarà il concessionario per la realizzazione della tangenziale est esterna di Milano (Tem), una delle grandi opere infrastrutturali il cui completamento è atteso per l‘Expo del 2015.

Il 10 novembre scorso, si legge in un comunicato della Regione Lombardia, è scaduto il termine per presentare le offerte per il bando di gara per la concessione dell‘opera. La decisione di varare una gara era stata adottata nel maggio scorso da Concessioni Autostrade Lombarde (Cal), l‘organismo concedente che fa riferimento al Pirellone.

In fase di pre-qualifica si erano fatti avanti quattro consorzi, ma nessuno ha presentato un‘offerta. Di conseguenza, secondo quanto previsto dalla legge, la concessione viene affidata al promotore Tem Spa.

Il consorzio guidato da Tem comprende, oltre a Impregilo, Pavimental (71,67% fa capo ad Autostrade per l‘Italia, la società operativa di Atlantia (ATL.MI), mentre il 25,86% è in mano a Gavio), Itinera (gruppo Gavio), Coopsette, Unieco, C.M.B. Società Cooperativa, C.M.C. Società Cooperativa e Pizzarotti.

Le società di gestione del raggruppamento sono Autostrade per l‘Italia, Milano Serravalle e Società Autostrada Torino Alessandria Piacenza (ATMI.MI).

La squadra è completata da Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo (Biis), controllata di Intesa Sanpaolo (ISP.MI) attiva nel finanziamento delle infrastrutture.

“Il fatto che non siano state presentate offerte alternative dimostra che il piano presentato dal promotore era equilibrato e non aveva margini di riduzione”, commenta con Reuters il presidente di Tem, Fabio Terragni.

I tempi previsti per l‘esecuzione del piano, indicati dalla Regione Lombardia, sono: quattro mesi per l‘approvazione della convenzione di concessione, sei mesi per l‘elaborazione del progetto definitivo, undici mesi per la sua approvazione, sette mesi per elaborare e approvare il progetto esecutivo.

L‘apertura della nuova arteria autostradale è prevista nel gennaio 2015, in tempo per l‘Expo.

Terragni conferma che il costo previsto per la Tem è di 1,5 miliardi di euro, “tutti in project finance”. Per quanto riguarda la provenienza delle risorse, Terragni prevede che “Biis sarà il perno” ma non manca di aggiungere che “ora non è facile trovare finanziamenti”.

Il presidente di Tem conferma che, dopo la stipula della convenzione, decadrà il ricorso al Tar della Lombardia del promotore contro il varo della gara di concessione.

Il capitale di Tem Spa attualmente vede la Provincia di Milano al 47%, Autostrade al 32%, Gavio all‘8%, Autostrade Lombarde all‘8% e Intesa Sanpaolo al 5%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below