BORSA USA incerta, pesa rialzo greggio, balza Citi

mercoledì 10 giugno 2009 16:40
 

NEW YORK, 10 giugno (Reuters) - Dopo un'apertura positiva gli indici di Wall Street ritracciano i guadagni, con il Nasdaq che arriva a perdere lo 0,7%.

A pesare sui listini è l'inquietudine degli investitori, messi di fronte al nuovo rialzo del prezzo del greggio, salito oggi sopra i 71 dollari al barile. La paura è che l'aumento accentui le difficoltà già consistenti, colpendo la spesa dei consumatori e indebolendo le speranze in una ripresa economica.

Tra i titoli in movimento Citigroup (C.N: Quotazione), premiata dal mercato con un +4,7% a 3,56 dollari in concomitanza dell'avvio del riacquisto di azioni per 58 miliardi dal governo, in un piano di progressiva restituzione degli aiuti di stato ottenuti nell'ambito del programma Tarp. Al Tesoro Usa resta però ancora in mano una quota del 34% nella banca.

Non basta invece a Morgan Stanley (MS.N: Quotazione) e Goldman Sachs (GS.N: Quotazione), entrambe in calo rispettivamente del 2,8% e dello 0,9%, la revisione al rialzo del price target decisa da Jp Morgan.

In ripresa la società di alcolici Brown-Forman (BFb.N: Quotazione) che mette a segno un +3,5% a 46,86 dollari dopo l'annuncio di utili trimestrali sopra le attese.

Intorno alle 16,40 il Dow Jones .DJI sale dello 0,18% a 8778,47 punti, dopo essere sceso brevemente in negativo, l'indice S&P 500 .SPX cede lo 0,08% a 941,63, dopo aver toccato un minimo di seduta a 940,06 punti. Il Nasdaq .IXIC scende invece dello 0,71%.