Borsa Usa prosegue calo, pesano tech e finanziari, bene biotech

lunedì 9 marzo 2009 19:11
 

NEW YORK, 9 marzo (Reuters) - Le vendite sui tecnologici appesantiscono Wall Street, che pure dal suono della campanella ha azzerato più volte le perdite, per poi ripiombare in negativo.

Verso le 19 il Nasdaq .IXIC cede l'1% circa, il Dow Jones .DJI lo 0,6%.

In generale persistono i dubbi sulle misure studiate per arginare la crisi delle banche; questo pomeriggio il Tesoro Usa ha annunciato che i dettagli sul piano per epurare i bilanci dagli 'asset tossici' verranno svelati nelle 'prossime settimane'.

Nemmeno la maxi fusione tra Merck e Schering Plough, 41 miliardi di dollari di controvalore stimato, riesce a spostare l'attenzione degli investitori.

Anzi, il consolidamento "fa nascere timori che la crisi abbia colpito anche settori difensivi come quello farmaceutico", dice un dealer. Merck (MRK.N: Quotazione) cede l'8% mentre Schering, per contro, balza del 16%.

Negativi tutti i bancari. In particolare Goldman Sachs (GS.N: Quotazione) cede l'1,8% e Morgan Stanley (MS.N: Quotazione) il 2,4%, dopo che Barclays ha tagliato i target price sui due titoli. In controtrend Jp Morgan (JPM.N: Quotazione), +4%.

Brillante GE (GE.N: Quotazione), che pure ha subito il taglio delle stime e del target price da parte di Goldman Sachs. Sempre oggi, però, Citigroup ha promosso il settore energetico Usa ad OVERWEIGHT da MARKET PERFORM.

Sugli scudi, infine, le società biotech specializzate in ricerca sulle cellule staminali provenienti da embrioni umani, per cui Barack Obama ha liberalizzato i finanziamenti. Tra le altre festeggiano Geron Corp (GERN.O: Quotazione), StemCells (STEM.O: Quotazione) e Aastrom Biosciences ASTM.O.