UniCredit, in data room Pioneer ammessi Poste, Generali, Amundi e altro estero-fonti

venerdì 23 settembre 2016 19:23
 

di Francesca Landini e Gianluca Semeraro

MILANO, 23 settembre (Reuters) - UniCredit, dopo il cda di ieri a Monaco, ha scremato la lista dei soggetti interessati all'acquisto di Pioneer Investments ammettendone quattro alla data room.

Si tratta, secondo alcune fonti vicine alla situazione, di Poste Italiane, Generali, Amundi e di una compagnia assicurativa estera che una fonte identifica in Axa. Nessun commento dai soggetti interessati.

La cessione di Pioneer, così come quelle di Pekao e FinecoBank, rientra nelle possibili azioni di capital management che il nuovo Ceo di UniCredit Jean-Pierre Mustier sta valutando nell'ambito della strategic review che a fine novembre porterà a un nuovo piano strategico per la banca.

Secondo una delle fonti Amundi avrebbe formulato l'offerta economica più alta. UniCredit punta a raccogliere fino a 3 miliardi di euro dalla cessione di Pioneer che ha masse in gestione per 220 miliardi. Entro fine ottobre sono attese le offerte vincolanti.

Nei giorni scorsi alcune fonti vicine alla situazione hanno spiegato che Poste agisce in consorzio con Cassa Depositi e Prestiti e Anima Holding.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia