Atlante 2, Axa non intende partecipare - Cfo

mercoledì 3 agosto 2016 11:42
 

PARIGI, 3 agosto (Reuters) - Dopo la defezione delle Casse di previdenza, anche il colosso delle assicurazioni francesi, Axa si sfila dalla lista dei possibili sottoscrittori di Atlante 2, che dovrebbe rilevare parte della cartolarizzazione delle sofferenze di Mps

Gerald Harlin, cfo del gruppo assicurativo, ha escluso che Axa sia tra i sottoscrittori. "Non abbiamo intenzione di versare nel fondo Atlante 2, proprio come non lo abbiamo fatto in Atlante 1, per l'ovvia ragione che siamo azionisti della banca (Mps) e abbiamo già partecipato in modo ampio al risanamento dell'istituto", ha detto durante la call sui risultati del semestre.

Quanto all'aumento di capitale di Mps fino a 5 miliardi, che sarà necessario per coprire le perdite delle maggiori svalutazioni per l'operazione di pulizia delle sofferenze, il manager francese ha detto che la cosa deve ancora essere valutata.

Atlante sta cercando nuovi investitori e ieri l'AD di Poste Francesco Caio ha detto che le nuove sottoscrizioni si chiuderanno l'8 di agosto. Caio ha detto che la partecipazione di Poste Vita sarebbe comunque inferiore ai 260 milioni della prima sottoscrizione. Secondo una fonte vicina alla situazione, Poste contruibuirà per 200 milioni.

Secondo una seconda fonte vicina al dossier, dopo questo primo closing, sarà possibile riaprire le sottoscrizioni fino alla fine dell'anno.

Tra i nuovi candidati accreditati di entrare nel nuovo fondo di Quaestio che sarabbe dedicato a comprare Npls, dovevano esserci le casse di previdenza che però hanno detto che l'operazione non è redditizia. Poi dovrebbero esserci banche e assicurazioni stranieri.

Finora ha dato disponibilità Generali (fino a 200 milioni) mentre Unicredit e Intesa potrebbero contribuire con la residua parte deliberata e non versata in Atlante 1 (300 milioni in totale).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia