Mps, tre banche si sfilano da consorzio aumento -fonte

giovedì 28 luglio 2016 19:24
 

di Pamela Barbaglia

MILANO, 28 luglio (Reuters) - Morgan Stanley, UniCredit e Intesa SanPaolo hanno respinto la proposta di Monte dei Paschi di Siena di sostenere il proposto aumento di capitale da 5 miliardi, secondo una fonte vicina alla situazione.

La banca sta cercando di mettere assieme un consorzio di garanzia dell'aumento di capitale nelle prossime 24 ore, in modo da avere un piano realizzabile prima della diffusione degli stress test domani sera, che non dovrebbero essere favorevoli per il Monte.

Finora ha ricevuto interesse da Citigroup, Bank of America, Deutsche Bank and Credit Suisse , secondo la fonte. Il consorzio includerà anche i global coordinator Mediobanca e JPMorgan.

Altre banche, incluse Societe Generale, UBS e Nomura, sono state contattate nel tentativo di condividere il possibile costo dell'operazione che dovrebbe vedere Monte dei Paschi emettere titoli tra 0,5 e 0,6% del tangible book value, secondo la fonte.

"Al momento il consorzio è debole", per la fonte. "Altre banche si devono affiancare".

Un'altra fonte, vicina alla banca, dice che Monte dei Paschi dovrebbe comunicare le linee guida del piano domani e di essere fiducisa del raggiungimento di un pre-accordo con un numero sufficiente di banche in tempo.

Monte dei Paschi, Mediobanca, JPMorgan, Unicredit e Intesa non hanno commentato. Morgan Stanley e le altre banche non sono state immediatemente disponibili per un commento.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia