20 luglio 2016 / 13:07 / un anno fa

CORRETTO-Good bank, slitta termine, al momento una sola offerta da Apollo - fonti

(Corregge advisor legale di Bankitalia, che è Chiomenti e non BonelliErede)

di Massimo Gaia

MILANO, 20 luglio (Reuters) - Alla 18 di domani, termine leggermente slittato rispetto alla scadenza indicata sino a stamattina (sei del mattino in Italia, mezzanotte negli Stati Uniti), scadrà il termine per la presentazione delle offerte vincolanti per le quattro cosiddette good bank. Al momento, risultato certo non incoraggiante, c'è una sola offerta sul tavolo da parte del private Apollo.

E' quanto riferiscono diverse fonti vicine alla situazione.

Salvo sorprese dell'ultima ora, sempre possibili, infatti, sul tavolo della Banca d'Italia e di Roberto Nicastro, presidente dei quattro istituti (Banca delle Marche, Banca Etruria, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio di Chieti), rischia di arrivare solo l'offerta dell'operatore di private equity, una proposta decisamente inferiore sia al prezzo desiderato inizialmente di circa 2 miliardi sia della attuale valutazione, 1,4 miliardi. Ma su quanto Apollo abbia messo sul tavolo regna il riserbo più assoluto.

A quanto riferiscono le fonti, gli altri due operatori di private equity rimasti in corsa, Apax Partners e Lone Star, non avrebbero ancora preso una decisione definitiva, ma il primo non sarebbe orientato a presentare un'offerta, mentre Lone Star sta sfruttando sino all'ultimo secondo per valutare il dossier. Gli altri soggetti che avevano avanzato manifestazioni d'interesse (ventisei, aveva annunciato Nicastro il 10 maggio scorso ) si sono sfilati da tempo.

Una fonte vicina alla procedura, però, sostiene che "le buste saranno più d'una", aggiungendo di non attendersi un coinvolgimento del fondo interbancario di tutela dei depositi, che, in queste ore, sta definendo le modalità di rimborso degli obbligazionisti.

Non dovrebbero presentare offerte altre banche, sebbene la moral suasion di Bankitalia potrebbe avere un peso e catapultare sul proscenio un'offerta last minute, né, stando alle fonti, dovrebbero essere ripescate proposte su singoli asset.

Il fatto che i tempi siano leggermente slittati lascia pensare che venditori e adviser abbiano voluto dare qualche ora di tempo in più ai potenziali compratori per prendere una decisione. Ma la partita è davvero complessa.

"Fare banca retail in Italia è più che difficile: è praticamente impossibile", sintetizza il manager di un fondo che aveva partecipato alla fase delle manifestazioni d'interesse, salvo defilarsi rapidamente.

"Processo troppo lungo e complesso", chiosa un altro manager di un fondo che pure, dopo aver messo il naso nel dossier, ha abbandonato la partita.

Di sicuro, secondo le fonti, le quattro banche salvate, sebbene depurate dagli Npl, non sono esattamente dei gioiellini: necessitano di investimenti importanti ed è anche per questo che l'offerta di Apollo non si avvicinerebbe neanche lontanamente alle attese dei venditori.

Oggi un quotidiano ipotizza che in ambienti governativi si stia pensando di procrastinare di nuovo la scadenza per la presentazione delle offerte vincolanti, già slittata al 20 dal 9 luglio e, appunto, alle 18 di domani. Ma va ricordato che la Bce ha fissato al 30 settembre la scadenza per chiudere la procedura. E se finora, in circa tre mesi di lavoro, non si è riusciti a catalizzare l'interesse desiderato, è difficile pensare che un allungamento dei tempi possa cambiare qualcosa.

Secondo quanto spiega una fonte, le buste (o la busta) verranno aperte da un notaio domani sera, forse venerdì mattina. Una comunicazione ufficiale dovrebbe arrivare, dunque, il 22 luglio; e non è escluso che si vada a sabato.

Affiancata da Societe Generale, come advisor finanziario, Oliver Wyman, per la consulenza strategia, e Chiomenti, per gli aspetti legali, Bankitalia potrebbe decidere, secondo ipotesi di stampa, di mettere la patata bollente in mano agli istituti che hanno partecipato al salvataggio: a loro, infatti, toccherebbe iscrivere a bilancio una perdita in caso di vendita a un valore inferiore a quello individuato a fine aprile.

Il valore delle quattro good bank è stato fissato in poco più di 1,4 miliardi, con una svalutazione di 400 milioni rispetto al dato iniziale a causa di nuovi oneri di ristrutturazione necessari a garantire una redditività soddisfacente.

Nel dicembre scorso, il presidente di Abi, Antonio Patuelli, aveva spiegato che, se dalla vendita delle quattro banche risanate non verranno raccolti almeno 1,65 miliardi, il meccanismo di salvataggio prevede un conguaglio da parte delle altre banche.

Tutti i soggetti citati non hanno voluto commentare.

- ha collaborato Stefano Bernabei -

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below