Anima debole in borsa su voci offerta Usa per Arca, realizzi

mercoledì 4 novembre 2015 12:22
 

MILANO, 4 novembre (Reuters) - Anima Holding sotto pressione in borsa, in un mercato impostato viceversa al rialzo, dopo indiscrezioni stampa di un'offerta in arrivo su Arca, sgr partecipata dalle popolari al centro di un riasetto potenziale preda dell'asset manager quotato.

"Anima non ha mai nascosto il proprio interesse ad aggregare Arca in futuro, con buone sinergie sviluppabili", osserva un operatore.

Il trader ricorda inoltre che su Anima nei giorni scorsi "si sono create posizioni lunghe in vista dell'ingresso nel FTSE Mib", avvenuto lunedì.

Poco dopo le 12 il titolo cede circa l'1% a 8,6 euro con volumi per 832.000 pezzi a fronte di una media giornaliera su 30 giorni di 1,26 milioni. Il FTSE Mib sale dello 0,6%.

MF scrive oggi che Atlas Merchant Capital avrebbe presentato un'offerta non vincolante per Arca sgr, valutandola 1 miliardo di euro. L'offerta prevede un'operazione che avverrebbe ad un multiplo, secondo Equita, che si paragona ad un Pe 2016 di 19 volte per Anima.

"L'operazione avrebbe quindi per Anima un read-across sia positivo (multiplo elevato pagato per un peer) che negativo (sfugge il miglior candidato al consolidamento)", osserva Equita aggiungendo che "secondo noi prevarrebbe però la delusione per la mancata operazione con Arca".

Per Mediobanca Securities l'offerta è estremamente generosa sia in termini di rapporto prezzo/utili che di rapporto prezzo/masse gestite e prezzo/ricavi; senza dimenticare che Banco Popolare ha molto recentemente venduto la propria partecipazione sulla base di una valorizzazione complessiva di circa la metà.

Ben comprati gli azionisti quotati di Arca: sia Pop Emilia che Pop Sondrio sono in rialzo di un punto e mezzo percentuale circa.

Non è stato possibile avere un commento né da Arca né da Atlas Merchant Capital, società fondata dall'ex Ceo di Barclays Bob Diamond.   Continua...