Immobili, Capstone investirà ancora in Italia dopo Opa su fondo Europa

martedì 2 dicembre 2014 16:26
 

MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Il fondo di investimento Usa Capstone Equities, che ha in corso un'Opa parziale sul fondo Europa Immobiliare N.1, continuerà a investire in Italia perchè offre opportunità nel mercato immobiliare che molti investitori esteri non hanno ancora compreso.

"Per ogni investitore in Italia ce ne sono 50 in Spagna, che è un paese più piccolo e meno popolato. Non credo che le differenze, che pure ci sono, in termini normativi, economici o di trasparenza, giustifichino questa disparità", ha spiegato il fondatore e amministratore di Capstone Joshua Zamir nel corso di un incontro con la stampa.

Ieri è cominciata l'Opa sul 33% del fondo Europa Immobiliare su cui Capstone è pronta a investire 26 milioni di euro (tutti cash, senza debito); l'offerta si chiuderà il 19 dicembre.

"Siamo pronti a investire anche molti multipli di 26 (milioni) in Italia, ma dipenderà dalle occasioni che si presenteranno oltre che dal successo di questa nostra prima operazione", ha sottolineato Zamir. "Abbiamo lasciato gli Usa due anni fa perché ci pareva un mercato sovraffollato e ci siamo indirizzati sull'Europa. L'Italia è un paese meno al centro dell'attenzione degli investitori rispetto ad altri anche perchè sta uscendo più lentamente dalla crisi; ma entrare presto in questo mercato è un'opportunità secondo noi".

Un settore in cui Capstone potrebbe investire è quello alberghiero, mentre non è interessato agli immobili pubblici o ai distressed asset.

Intanto il focus è sull'Opa a 710 euro per quota lanciata sul fondo gestito da Vegagest, di cui il fondo Usa punta a rilevare il 33% ("per noi è una condizione"), soglia necessaria per avere un po' di voce in capitolo sulla gestione dell'Sgr.

"Offriamo ai risparmiatori un modo per monetizzare un investimento andato male e che potrebbe svalutarsi ulteriormente se la scadenza del fondo verrà, come presumibile, rinviata dal 2017 al 2019", ha spiegato l'advisor Marco Elser di AdviCorp.

Oggi il fondo - collocato nel 2004 principalmente attraverso Poste Italiane e CaRi Ferrara a 2.500 euro a quota e sbarcato in borsa a fine 2006 - tratta a 701 euro, "un prezzo sostenuto anche dalla nostra offerta", secondo Capstone.

  Continua...