10 ottobre 2014 / 07:49 / tra 3 anni

Ipo, Intercos rinuncia a causa condizioni mercati, ora focus su altre

MILANO, 10 ottobre (Reuters) - Passo indietro di Intercos, che rinuncia a Piazza Affari. Nella tarda serata di ieri, infatti, la società attiva nella commercializzazione di cosmetici ha annunciato il ritiro dell‘operazione a causa delle condizioni dei mercati.

Si tratta del secondo ritiro di un‘Ipo nel giro di pochi giorni, dopo quella di Italiaonline.

La decisione degli azionisti di Intercos era nell‘aria, dato che, a poche ore dalla chiusura dei libri, l‘offerta non era ancora stata interamente coperta.

VOLATILITA’ MERCATI AFFOSSA OPERAZIONI IN EUROPA

“Nonostante l‘ampio interesse e l‘apprezzamento manifestato dagli investitori istituzionali italiani ed esteri nel corso del roadshow”, si legge nel comunicato, “e pur considerando la qualità e il numero delle adesioni ricevute (corrispondenti ad una richiesta di azioni di poco inferiore al quantitativo massimo offerto), la società ha ritenuto che le condizioni dei mercati finanziari, deterioratesi repentinamente nel corso degli ultimi giorni, non consentano di ottenere una valutazione che rifletta fedelmente il reale valore intrinseco e le potenzialità della società”.

Una fonte bancaria ieri aveva detto a Reuters che erano giunti diversi ordini dagli Stati Uniti, ma non sufficienti a coprire il book.

“E’ un mercato del compratore, non del venditore”, aveva commentato ieri Roberto Lotici, fund manager di Ifigest. “Perché dovrei comprare un titolo con poca visibilità quando ci sono tante azioni sul mercato con risultati certi?”.

Sempre ieri, Alberto Checchinato, analista di Fidentis, aveva spiegato che “Intercos è un gruppo con ottimi fondamentali, ma il prezzo dell‘Ipo non è quello giusto”, anche al minimo della forchetta indicativa.

“Adesso il mercato è molto volatile”, aveva commentato ieri un altro fund manager. “E non è positivo avere così tante Ipo tutte insieme perché non puoi valutarle. L‘interesse degli investitori esteri sta un po’ svanendo”.

L‘estrema volatilità dei mercati dal 2008 ad oggi rende fondamentale il timing dell‘Ipo. Recentemente, parlando con Reuters, un banker ha sintetizzato la situazione attuale: “Il colpo di fortuna vale il 50% dell‘operazione”.

E da qualche settimana, non solo in Italia, il vento sta soffiando contro i collocamenti.

Il 2014 ha visto saltare, prima di Italiaonline e Intercos, lo sbarco a Piazza Affari di Rottapharm e Sisal. Ora si teme che sorte simile possa toccare alle società in lista di attesa: Favini, Zanetti-Segafredo, Fedrigoni (che già ha rinviato in passato), RaiWay e Sorgente Res.

E il 2015 dovrebbe vedere bussare alle porte di Palazzo Mezzanotte diverse società attualmente in mano pubblica (Poste, Enav e Sace), nonché altre aziende private (Savio).

RIFLETTORI SU PROSSIME MOSSE FERRARI

Intercos puntava a collocare fino al 44,18% del capitale.

A questo punto, il mercato s‘interroga sul futuro dell‘azienda. Dario Ferrari, che ha fondato Intercos nel 1972, avrebbe venduto una parte delle azioni detenute attraverso le holding Dafe 3000 e Dafe 5000.

Non più giovane (ha passato i 70 anni) e con alle spalle una storia di partnership con operatori di private equity, Ferrari puntava all‘Ipo come sbocco naturale. Ma dovrà rivedere i piani.

La nota di ieri spiegava che, “considerando la propria storia di successo e facendo leva sulla solidità finanziaria e patrimoniale del gruppo, Intercos ritiene di poter comunque raggiungere gli ambiziosi obiettivi di sviluppo e di crescita che si è prefissata”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below