Unicredit, colloqui con Santander per aggregare asset management - Ceo

martedì 23 settembre 2014 18:42
 

MILANO, 23 settembre (Reuters) - UniCredit ha deciso di avviare colloqui con Santander con l'obiettivo di creare una società comune nell'asset management tramite l'aggregazione di Pioneer e di Santander Asset Management.

Lo ha annunciato, al termine del Cda odierno, il Ceo Federico Ghizzoni aggiungendo che la sigla dell'accordo è attesa per novembre.

Non si tratta tecnicamente di un'esclusiva ma Ghizzoni ha precisato che l'istituto "non parlerà altro che con Santander".

La nuova società integrata sarà inizialmente partecipata da UniCredit e Santander con circa il 33% a testa, mentre il restante 33% sarà suddiviso tra i due fondi di private equity Warburg Pincus e General Atlantic che oggi condividono il 50% di Santander Asset Management, non posseduto dal gruppo spagnolo.

I due fondi, tuttavia, sono destinati a uscire probabilmente attraverso una Ipo, al termine della quale UniCredit e Santander manterranno il 33% a testa della società integrata, ha spiegato Ghizzoni.

"I fondi in x anni a venire usciranno. Si presume ci sarà un'uscita tramite Ipo. Rimarranno nella società quotata come soci di controllo paritetici UniCredit e Santander con il 33% a testa", ha spiegato.

L'impatto dell'operazione sul Cet1 di UniCredit è stimabile in 20-25 punti base, ha detto Ghizzoni.

(Gianluca Semeraro)   Continua...