Svizzera Mirabaud punta a generare in Italia 20% ricavi AM in 3 anni

lunedì 22 settembre 2014 15:49
 

MILANO, 22 settembre (Reuters) - Per intercettare i consistenti flussi diretti verso soluzioni di risparmio in Italia, si affaccia sul mercato tricolore una storica banca privata svizzera: Mirabaud, fondata a Ginevra nel 1891, punta oggi ai segmenti wholesale (gestioni patrimoniali e fondi di fondi) e istituzionale soprattutto con un fondo obbligazionario "uncontrained" e uno azionario globale "high income". Tra un anno potrebbe iniziare a testare il retail e, nelle intenzioni del country head David Basola, portare l'Italia a rappresentare un quinto dei ricavi della divisione asset management del gruppo nell'arco dei prossimi tre anni.

Intervenendo ad una presentazione a Milano il Ceo di Mirabaud AM, Lionel Aeschlimann, ha indicato come obiettivo più ampio quello di raddoppiare le masse in gestione, oggi pari a 8 miliardi di franchi "in tempi non lontani".

Mirabaud, insieme a Pictet e a Lombard Odier, è stata tra le banche svizzere a rompere con una tradizione secolare di non pubblicare i conti. Tutte e tre le banche l'anno scorso hanno infatti deciso di abbandonare il modello tradizionale a responsabilità "illimitata", che ha contribuito a costruire la reputazione di gestori prudenti delle banche private svizzere.

Diventata una "société anonyme" dal 1 gennaio 2014, Mirabaud Group ha annunciato un utile netto di 17,5 milioni di franchi nel primo semestre con un Core Tier 1 capital ration del 19,7%.

Mirabaud AM, che ha già stretto un accordo con All Funds, ne annuncerà a fine ottobre un nuovo con un "operatore stimato che farà da volàno per i fund selector", ha sottolineato Basola, responsabile di Mirabaud AM anche per il Canton Ticino, Malta e Monaco.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia