Pop Milano, con aumento capitale forte presenza di fondi - Castagna

mercoledì 25 giugno 2014 16:45
 

MILANO, 25 giugno (Reuters) - Pop Milano non ha ancora elementi sufficienti per conoscere nei dattegli la nuova mappa dell'azionariato dopo l'aumento di capitale da 500 milioni concluso a fine maggio ma ritiene che ci sia una forte presenza di investitori istituzionali.

Ne è convinto l'AD Giuseppe Castagna secondo cui con l'operazione di ricapitalizzazione sono entrati "parecchi fondi".

"Non abbiamo notizie neanche noi, non si sanno ma ci sono", ha risposto Castagna a margine di un convegno, interpellato sui nuovi soci entrati nel capitale con l'operazione di rafforzamento patrimoniale.

"Dalla rete retail, pur avendo avuto un successo enorme, abbiamo raccolto circa il 20% e quindi tutto il resto è stato sottoscritto da fondi istituzionali", ha aggiunto l'AD spiegando che sono necessari alcuni tempi tecnici per avere una chiara situazione del nuovo azionariato.

La fotografia dell'azionariato di Pop Milano elaborato dalla Consob in base alle comunicazioni pevenute, per quanto riguarda gli azionisti rilevanti, vede Blackrock con il 5,15% circa (dal 6 maggio e quindi presumibilemnte senza tenere conto dell'aumento di capitale) e Norges Bank con una quota poco sopra il 2% (dal 30 maggio).

Il fondo Athena Capital che fa capo a Raffaele Mincione risulta azionista con il 7% circa ma, con una posizione critica nei confronti della governance della banca, ha annunciato di avere sottoscritto solo parzialmente l'aumento di capitale diluendosi quindi al 5,7%. "Siamo confortati dal fatto che abbia scelto comunque di rimanere", ha commentato Castagna in merito alle mosse di Mincione.

"Penso che ogni azionista debba fare le proprie valutazioni in base al piano industriale, alla governance e ai risultati che vede trimestre per trimestre e poi prendere le proprie decisioni. C'è diritto di critica, ci mancherebbe", ha aggiunto.

Quanto alla revisione della governance, la nuova road map già indicata dai vertici dopo la clamorosa bocciatura dell'ultima assemblea viene confermata.

"Sicuramente un cambio di questa governance si avrà e sicuramente sarà molto in linea con quello che avevamo già proposto", ha detto Castagna.   Continua...