Risparmio gestito raccoglie altri 6,33 mld a luglio

giovedì 5 settembre 2013 10:38
 

MILANO, 5 settembre (Reuters) - L'industria del risparmio gestito continua a registrare afflussi a luglio, con una raccolta che accelera a 6,327 miliardi rispetto ai 2,537 miliardi di giugno e un saldo annuo che supera abbondantemente i 44 miliardi.

Queste le stime preliminari diffuse stamani da Assogestioni.

Tornano le sottoscrizioni sulle gestioni di portafoglio, prevalentemente istituzionali (2,54 miliardi circa su complessivi 2,76 miliardi di raccolta). Ma, con entrate per 3,5 miliardi, la parte del leone continuano a farla i fondi comuni aperti, con una netta preferenza per i flessibili (2,24 miliardi). Con sottoscrizioni per 18,4 miliardi quest'ultima categoria vanta il bilancio migliore da inizio anno, seguita dagli obbligazionari (14 miliardi). L'interesse per i prodotti che investono in reddito fisso, che a luglio hanno raccolto 584 milioni di euro, è recentemente diminuito di pari passo con il ridimensionamento dei ritorni. La caccia al rendimento a luglio promuove i riscatti sui monetari (-65 milioni) e le sottoscrizioni degli azionari (740 milioni circa) pur in un quadro annuo che vede i fondi di liquidità in attivo per 1,345 miliardi e quelli che investono sulle borse in rosso per 19 milioni.

Con una raccolta di quasi 1,3 miliardi, infine, i fondi di diritto italiano si confermano un'opzione che torna a farsi largo fra i risparmiatori dopo un lungo periodo di disaffezione a favore degli esteri (+2,2 miliardi di raccolta a luglio).

Tra i maggiori gestori per patrimonio svetta il gruppo Intesa Sanpaolo che, solo con Eurizon, raccoglie oltre 1,5 miliardi essenzialmente grazie alle gestioni istituzionali.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia