Save, vicino accordo Finint-Morgan Stanley su quota controllo - fonte

giovedì 29 agosto 2013 15:39
 

di Massimo Gaia

MILANO, 29 agosto (Reuters) - Finanziaria Internazionale (Finint) e Morgan Stanley soci di Marco Polo Holding, veicolo che ha in pancia il 40,12% circa del capitale di Save , sono molto vicine all'accordo sui termini per rilevare da Generali, terzo socio in uscita, la sua quota della società-veicolo.

E' quanto dice una fonte vicina alla situazione.

L'attuale azionariato di Marco Polo Holding vede Finint al 50,1%, Generali al 33,4% e un fondo di Morgan Stanley (Morgan Stanley Infrastructure Partners) al 16,4%. Il patto tra gli azionisti scadrà ad ottobre. E, mentre Morgan Stanley e Finint l'hanno prolungato per altri tre anni, Generali ha comunicato che, in coerenza con la nuova linea dettata dall'AD Mario Greco, intende uscire dal veicolo. A monte di Marco Polo Holding vi è Agorà che ne replica l'azionariato.

"E' molto vicino l'accordo tra Finint e Morgan Stanley", afferma la fonte. "Il nuovo azionariato di Marco Polo Holding vedrà Finint al 51% e Morgan Stanley al 49%" aggiunge senza dettagli sul valore della quota di Generali.

Non è stato possibile avere un commento dai soggetti interessati.

Finint, dunque, si avvia a blindare la quota più rilevante del pacchetto di Save riferibile alla finanziaria guidata da Enrico Marchi, presidente e Ceo della società che gestisce gli aeroporti di Venezia e Treviso.

Un'ulteriore blindatura arriverà dal patto di sindacato che Finint potrebbe stringere con la Fondazione Venezia (2,168%) e la Provincia di Venezia (9,567%, secondo il sito Consob).

In effetti, però, l'ente guidato dalla leghista Francesca Zaccariotto, rivela la fonte, "in questi giorni ha ceduto sul mercato l'1% del capitale". E, come aveva detto un'altra fonte nei giorni scorsi, la Provincia di Venezia intende cedere un altro 3,44% entro la fine dell'anno.   Continua...