JP Morgan, nuovi problemi legali con accuse di corruzione in Cina

martedì 20 agosto 2013 10:08
 

NEW YORK, 20 agosto (Reuters) - Nuovi guai legali per Jp Morgan, ora al centro di un'indagine federale negli Stati Uniti, che punta a stabilire se la banca americana abbia assunto figli di alti funzionari cinesi in cambio di contratti.

Sono almeno una dozzina le inchieste che, a vario livello, stanno attualmente coinvolgendo la banca, inclusa quella sul cosiddetto scandalo "London Whale", da 6,2 miliardi di dollari .

Ora la Sec, la Consob americana, sta indagando per capire se alcune assunzioni di figli di alti dirigenti di aziende di stato cinesi da parte dalla sede di Hong Kong di JP Morgan, siano state effettuate col preciso intento di garantire alla banca contratti di sottoscrizione e di altro tipo con le aziende stesse.

Sulla vicenda è arrivato un 'no comment' della portavoce della Sec, mentre da Hong Kong JP Morgan si è limitata ad affermare che la banca sta cooperando con l'inchiesta.

Parallelamente, secondo quanto riportato ieri dal Wall Street Journal, il Dipartimento di giustizia americano indaga sull'ipotesi di manipolazione del mercato energetico Usa da parete di Jp Morgan.

Appena il mese scorso la banca si era accordata con la Federal Energy Regulatory Commission, pagando una multa di 285 milioni di dollari e restituendo 125 milioni di profitti da trading, relativamente ad accuse di manipolazione del mercato elettrico.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia