PUNTO 1 - Pomellato, passaggio a Ppr entro marzo - fonte

lunedì 11 marzo 2013 20:00
 

(Aggiunge seconda fonte su offerta)

MILANO, 11 marzo (Reuters) - La famiglia Damiani resterà come azionista di minoranza di Pomellato dopo la cessione del gioielliere italiano al colosso francese Ppr.

E' quanto dice a Reuters una fonte vicina alla situazione, aggiungendo che il contratto tra Ppr e gli altri azionisti di Pomellato dovrebbe essere siglato entro la fine di marzo.

"L'intenzione della famiglia Damiani è restare come azionista di minoranza", afferma la fonte.

Alla famiglia che controlla il gruppo quotato fa capo, attraverso la holding lussemburghese Sparkling, il 18% del capitale di Pomellato.

Come spiegato il 7 marzo scorso, la famiglia Damiani, affiancata da un operatore di private equity, avrebbe presentato un'offerta d'acquisto, alternativa rispetto a quella di Ppr, con l'intenzione di dare vita a un polo italiano della gioielleria.

Secondo una seconda fonte vicina al dossier, però, la famiglia Damiani "non ha mai fatto un'offerta". Stando alla fonte, l'azionista di minoranza "non è in grado di fare un'offerta". La famiglia "ha cercato di vendere il 18% per un anno, ha dato mandato a Mediobanca e non è riuscita a farlo. L'unica offerta seria per quella quota era stata formulata da Pomellato stessa" e non è stata accettata dalla famiglia Damiani.

I soci di maggioranza di Pomellato - il fondatore Pino Rabolini e Andrea Morante, l'amministratore delegato, riuniti nella holding Ra.Mo. (79% del capitale) -, dunque, hanno scelto la proposta di Ppr. Sebbene la posizione ufficiale dell'azienda sia che sta valutando le opzioni strategiche e non è ancora stata presa una decisione.

Ignota l'identità del fondo che affiancherebbe la famiglia Damiani, ma tutti gli indizi conducono a Dgpa, l'operatore di private equity, guidato da Maurizio Dallocchio, che ha accompagnato Damiani a Piazza Affari.   Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
PUNTO 1 - Pomellato, passaggio a Ppr entro marzo - fonte | Fondi | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,836.51
    +0.15%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,014.42
    +0.22%
  • Euronext 100
    1,014.64
    +0.00%