RPT-Btp, dopo realizzi opportunità da allargamento spread-gestori

venerdì 27 aprile 2012 17:01
 

(.)

* Realizzi soprattutto su tratto breve curva

* "Rischio periferia" si riduce anche vendendo Spagna

MILANO, 27 aprile (Reuters) - Molti investitori hanno incominciato a passare all'incasso sul debito italiano già a marzo, intensificando le vendite ad aprile soprattutto sul tratto breve della curva, quello "drogato" dalle iniezioni di liquidità triennale della Banca centrale europea.

Ma chi realizza non sempre fugge: c'è chi resta alla finestra, pronto a sfruttare ogni allargamento dei differenziali di rendimento fra governantivi italiani e tedeschi per riposizionarsi.

Sei dei quattordici primari gestori attivi in Italia, che hanno preso parte questo mese al consueto sondaggio Reuters sulle scelte di investimento, hanno alleggerito le posizioni sui Btp ad aprile; a questi si aggiungono altri tre partecipanti che hanno venduto nei mesi precedenti, qualcuno sulle scadenze lunghe.

"Abbiamo iniziato a prendere profitto sul debito periferico, italiano in particolare, già alla fine di febbraio", fanno sapere da Credem. "Ogni allargamento dello spread italiano è un'opportunità per riposizionarci, in particolare sulla parte a breve della curva e, con un orizzonte tattico di corto periodo, anche sulla parte lunga (5-10 anni)".

Se il disimpegno ha riguardato in prevalenza il tratto più vicino della curva, non manca chi ha spalmato le vendite su tutte le scadenze e chi ha preferito concentrarle dai sette anni in poi.

"Abbiamo iniziato a ridurre l'esposizione sul tratto molto breve della curva a metà marzo quando i rendimenti sono scesi su livelli troppo bassi", ha detto Giulio Zucchini, direttore investimenti di BPVi fondi. "In seguito abbiamo iniziato ad alleggerire l'esposizione complessiva per essere nelle condizioni di rientrare una volta che i rendimenti tornassero a essere molto più interessanti: pensiamo di non essere tanto lontani da quei livelli", ha aggiunto.   Continua...