March 23, 2012 / 3:07 PM / 5 years ago

SINTESI 1 - Mps, Optimum formalizza offerta per 5%, Clessidra fuori

4 IN. DI LETTURA

(Aggiunge Clessidra, chiusura titolo)

MILANO, 23 marzo (Reuters) - La deputazione della Fondazione MontePaschi si riunirà domani per tornare a fare il punto sulle offerte giunte sul tavolo per quote dei banca Mps.

Nel pomeriggio di oggi, secondo quanto riferito da una fonte vicina alla materia, Optimum Asset Management ha formalizzato la proposta per acquisire il 5% del capitale dell'istituto senese.

In mattinata, la Fondazione, attraverso una nota, aveva precisato che prosegue la selezione delle controparti a cui entro fine aprile intende cedere azioni della banca per ripagare debito per circa un miliardo.

"Il processo di selezione di possibili controparti a cui cedere quote della partecipazione detenuta in Banca Monte dei Paschi, sta procedendo speditamente", aveva precisato la Fondazione. "Rimane quindi fermo l'interesse e l'obiettivo della Fondazione di portare a compimento il programma di cessioni a suo tempo prospettato al mercato", aveva aggiunto.

Fondazione era titolare del 49,01% di Mps e ha già venduto ai blocchi il 2,5%. Ha detto che intende cedere fino al 15,5%, per non scendere sotto il 33,5%.

La strategia della Fondazione è di cedere quanto più possibile, al mercato dei blocchi, a controparti che comprino piccole quote. La parte restante, nelle intenzioni, verrebbe ceduta ad operatori di private equity e altri soggetti istituzionali che hanno bussato alla porta dell'ente guidato da Gabriello Mancini.

La Fondazione sta anche trattando per vendere una quota attorno al 4% ad un unico socio strategico. La famiglia Aleotti, che controlla la farmaceutica Menarini, secondo fonti finanziarie, starebbe esaminando la proposta.

Equinox Defilata, Clessidra Fuori Dai Giochi

L'ente, secondo altre fonti sentite in settimana, avrebbe anche ceduto altri pacchetti al mercato dei blocchi.

Equinox, l'investment company guidata da Salvatore Mancuso, secondo quanto riferito da una fonte vicina alla materia, si è defilata, scoraggiata dalle condizioni poste dalla Fondazione, pur restando interessata al dossier.

Dopo aver presentato un'offerta vincolante per il 9,9% circa del capitale di Mps, Equinox, stando alla fonte, si è sentita imporre da Siena condizioni considerate "inaccettabili". Mancuso, stando alla fonte, si sarebbe sentito proporre di stanziare la somma (circa 400 milioni) per acquisire fino al 9,9% e la Fondazione avrebbe deciso, in base alle esigenze, quale quota cedere ad Equinox. Un modo, secondo la lettura della fonte, per far sapere a Mancuso di non essere gradito. Del resto, nonostante le dichiarazioni di circostanza, Alessandro Profumo, designato dalla Fondazione per assumere la carica di presidente di Mps, ha scarsa sintonia con il banchiere siciliano.

Clessidra, l'altro operatore di private equity in contatto con Siena, dopo essersi messa alla finestra per alcuni giorni, secondo quanto riferito da una fonte vicina alla situazione è "sostanzialmente fuori dai giochi".

Da tempo, infine, circolano con insistenza i nomi delle famiglie Seragnoli, Ricasoli e Malacalza, nonché di alcuni imprenditori del Nordest. I tempi, però, stringono: entro martedì prossimo devono essere presentate le liste in vista dell'assemblea.

Debole sin dall'avvio dopo la pubblicazione dei risultati 2011 , il titolo Mps ha perso il 2,05%, a 0,3533 euro, dopo aver oscillato fra 0,3470 e 0,3612 euro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below