Comune Milano, eseguito accordo con banche su derivati bond

giovedì 22 marzo 2012 16:27
 

MILANO, 22 marzo (Reuters) - E' stato eseguito stamani sui mercati finanziari l'accordo perfezionato nei giorni scorsi tra il Comune di Milano e le quattro banche coinvolte - Deutsche Bank, Depfa, JP Morgan e Ubs - in relazione alla causa sui derivati legati al bond da 1,68 miliardi scadenza 2035.

L'operazione consentirà al Comune - come spiegato in una nota di Palazzo Marino - di contabilizzare entrate pari a 455 milioni di euro, di cui 40 milioni disponibili per la parte corrente del bilancio 2012. "A ciò si aggiungeranno negli anni prossimi, a favore del Comune, gli interessi attivi sulle somme investite, interessi registrabili come future entrate correnti", si legge nella nota.

L'operazione consente anche uno smobilizzo per il 2012 di 80 milioni, ora vincolati in un fondo rischi sui derivati e da oggi destinabili a nuovi investimenti per la città, spiega la nota del Comune.

Ieri era stato disposto il dissequestro dei 108 milioni di euro, a suo tempo bloccati alle quattro banche imputate nel processo: una decisione a cui era stato condizionato il raggiungimento dell'accordo extragiudiziale tra banche e Comune

"Sia le persone fisiche che le persone giuridiche imputate appaiono certamente in grado dal punto di vista economico e sociale a garantire l'eventuale adempimento delle obbligazioni derivanti da un'eventuale condanna", si legge nel provvedimento con cui il giudice Oscar Mari ieri ha disposto il dissequestro, in cui si precisa che "non sussitono esigenze cautelari".

L'ipotesi di accordo tra Palazzo Marino e le quattro banche era stata resa nota il mese scorso [ID: nL5E8DH40X]

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia