Industria, Fsi punta a risvegliare grandi aziende italiane - AD

lunedì 19 marzo 2012 16:40
 

MILANO, 19 marzo (Reuters) - Il Fondo Strategico Italiano (Fsi) punta a risvegliare le grandi imprese italiane, "una famiglia di orsi dormiente".

E' quanto ha detto, nel corso del convegno annuale dell'Aifi, l'amministratore delegato del Fsi, Maurizio Tamagnini, alla prima uscita pubblica da quando, 16 gennaio scorso, il fondo è operativo.

Il Fsi, ha spiegato Tamagnini, è "una società per azioni costituita dal ministero del Tesoro e dalla Cdp". Quest'ultima è "l'azionista strategico di lungo termine" e ha un commitment di 4 miliardi di euro. Il fondo, però, ha come obiettivo di arrivare ad una raccolta di 7 miliardi, fermo restando che la Cdp manterrà "almeno il 51% del capitale".

Tamagnini ha illustrato, attraverso una serie di slide, come le cosiddette grandi imprese italiane siano, in realtà, medie a livello internazionale, soffrano di una presenza ingombrante dell'azionista di riferimento, siano eccessivamente indebitate e, quando aprono il capitale, lo facciano prevalentemente attraverso la vendita di azioni esistenti.

Il Fsi "mira ad investire in aziende che hanno obiettivi di lungo periodo, investe principalmente in minoranze, non fa turnaround, punta ad investire soprattutto attraverso aumenti di capitale, vuole siglare accordi di lock-up veri perché ha un orizzonte di lungo termine e preferisce avere co-investitori, italiani ed esteri".

Dal punto di vista dei settori in cui il Fsi può investire, l'elenco è lungo e comprende difesa, sicurezza, infrastrutture, trasporti, comunicazioni, energia. Gli obiettivi che il fondo intende perseguire, ha spiegato Tamagnini, spaziano dalla creazioni di poli industriali alla nascita di agglomerati di servizi locali, dall'espansione della rete distributiva alla crescita per linee esterne, a garantire la stabilità dell'azionariato, ovvero gestire il passaggio generazionale.

(Massimo Gaia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia