17 gennaio 2012 / 15:53 / 6 anni fa

PUNTO 1-UniCredit, Aabar salirà a 6,5% con aumento, titolo balza

(Riscrive aggiungendo background, andamento titolo)

di Gianluca Semeraro

FRANCOFORTE, 17 gennaio (Reuters) - UniCredit incassa il sostegno di Aabar, fondo sovrano di Abu Dhabi, all'aumento di capitale da 7,5 miliardi e ricomincia a volare in borsa.

Il fondo ha infatti annunciato stamane che porterà la propria quota al 6,5%, dal 4,99%, in occasione dell'aumento di capitale e ha espresso sostegno al management della banca.

Il titolo, a circa un'ora dalla chiusura di borsa, sale del 2,46% a 3,002 euro, mentre i diritti volano a +12,27% a 1,935 euro. Lo stoxx europeo dei bancari sale dello 0,77%. Allo stato attuale resta conveniente acquistare azioni comprando diritti piuttosto che direttamente sul mercato.

Rispetto ai minimi di lunedì 9 gennaio, data di avvio dell'aumento di capitale, il titolo ha recuperato il 36,5% circa.

Nella nota si specifica che la controllata del fondo, Aabar Luxembourg, "ha avviato una serie di operazioni per l'acquisizione di diritti di sottoscrizione per azioni aggiuntive di UniCredit".

"Intendiamo partecipare all'aumento di capitale e sosterremo attivamente il management di UniCredit", ha detto in una nota il presidente di Aabar, Khadem Al Qubaisi.

"Questo investimento aggiuntivo in UniCredit conferma il nostro supporto alla banca e al management nel suo navigare con successo attraverso le incertezze del mercato. Pensiamo che il successo dell'attuale aumento di capitale aiuterà a rafforzare la base patrimoniale di UniCredit e porterà un outlook più positivo per il futuro", ha aggiunto.

Si tratta di dichiarazioni importanti soprattutto nella parte che riguarda il management. In primavera scade, infatti, il mandato dell'intero Cda di UniCredit, vertici compresi.

Se fino a un mese fa la conferma dell'AD Federico Ghizzoni non sembrava in discussione, nelle ultime settimane, a causa della prima reazione negativa del titolo all'annuncio del prezzo dell'aumento di capitale, la sua posizione è apparsa sotto la lente dei soci, soprattutto di alcune fondazioni.

Dopo il sì, in alcuni casi parziale, delle fondazioni azioniste, di Allianz e della Central Bank of Lybia, tra i soci principali di UniCredit manca a questo punto soltanto la decisione della Lybian Investment Authority (Lia) che ha il 2,594%.

Sullo sfondo resta il possibile arrivo di nuovi soci, non escluso nemmeno dai vertici della banca: la taglia "extralarge" dell'aumento di capitale, la più grande in Italia e una delle più grandi in Europa negli ultimi anni, lascia infatti spazio all'ingresso di nuovi soggetti anche se finora l'unica novità ufficiale nella mappa dell'azionariato è data dal fondo Usa Capital Research and Management Company, da ieri nel gruppo dei soci con più del 2%, con il 2,547%.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below