PUNTO 4-UniCredit fissa sconto generoso per aumento, titolo -14,4%

mercoledì 4 gennaio 2012 18:29
 

(Aggiorna con chiusura titolo)

di Gianluca Semeraro

MILANO, 4 gennaio (Reuters) - UniCredit chiude la seduta borsistica in calo di oltre il 14% e al suo minimo storico dopo aver concesso agli azionisti uno sconto generoso per agevolare la sottoscrizione dell'aumento di capitale da 7,5 miliardi che partirà lunedì 9 e che arriva in un momento di mercato difficile.

Il Cda ha fissato nella riunione di stamattina il prezzo di emissione delle nuove azioni a 1,943 euro con uno sconto del 43% rispetto al valore di borsa di ieri calcolato ex diritto, equivalente al 69% sul prezzo di chiusura.

Secondo Andrew Lim, analista di Espirito Santo, "il prezzo di sottoscrizione è stato fissato a uno sconto ben più grande di quanto ci si aspettava. Comunque lo si calcoli, è molto più alto di quello delle altre banche".

Inoltre - osserva un trader - uno sconto così elevato dimostra che la banca ritiene che l'operazione "non sia così appetita dagli investitori".

Ciò spiegherebbe il crollo registrato oggi dal titolo, che ha chiuso la seduta in calo del 14,45% a 5,415 euro, il nuovo minimo storico secondo gli schermi Reuters. I volumi sono stati più del doppio della media giornaliera degli ultimi 30 giorni. Lo stoxx europeo del settore bancario ha chiuso in ribasso dell'1,6%.

Un trader, a seduta ancora aperta, ha detto di ritenere la reazione del titolo fisiologica e in linea con quella delle altre banche quando hanno annunciato un aumento di capitale. "Tranne Intesa - ha spiegato -, che è stata la prima a fare un aumento di capitale, tutte le altre sono state sotto pressione. E' un copione già visto. Da settimane c'erano rumors su uno sconto del 40-45% quindi da questo punto di vista non c'è sorpresa".

D'altronde - ha osservato il trader - "in questi momenti devi fare sempre operazioni un po' penalizzanti. Alcune fondazioni hanno dichiarato che vogliono diluirsi. Con l'azionariato che ha UniCredit era difficile portare avanti una ricapitalizzazione di queste dimensioni senza uno sconto interessante".   Continua...