Cti, dipendenti polo Bresso chiedono tempo per buyout - fonti

mercoledì 6 maggio 2009 17:10
 

MILANO, 6 maggio (Reuters) - I lavoratori del polo biotecnologico di Bresso (Milano) hanno chiesto a Cell Therapeutics (CTIC.MI: Quotazione) di attendere sino al 30 giugno prossimo prima di procedere alla dismissione degli stabilimenti dove si svolge attività di ricerca nel campo dei farmaci anti-tumorali.

Lo ha detto a Reuters una fonte vicina alla materia.

Oggi, in Assolombarda, si è svolto un incontro fra i rappresentati dei lavoratori di Bresso (62 persone) e il management di Cell Therapeutichs, guidato da Christina Waters, presidente di Cti Europe.

L'incontro è durato oltre tre ore. All'ingresso, un gruppo di ricercatori ha contestato i vertici di Cti.

I sindacati hanno chiesto all'azienda "di ritardare la dismissione fino al 30 giugno", per dare tempo ai lavoratori di proseguire nei negoziati avviati con potenziali investitori.

Al momento, infatti, il prossimo 13 maggio scadrà il periodo (75 giorni) previsto dalla legge e Cti è intenzionata a procedere con lo smantellamento del polo di Bresso.

Domani, riferisce la fonte, Cti incontrerà il management degli stabilimenti di Bresso, che sta lavorando al buyout della società, e fra due giorni tornerà al tavolo con i sindacati.

I rappresentanti dei lavoratori hanno chiesto a Cti, oltre alla mobilità, di concedere un anno di cassa integrazione e "l'azienda pare non avere problemi a concederlo".

  Continua...