6 agosto 2009 / 12:15 / 8 anni fa

CORRETTO-PUNTO 1-Fondi Italia, raccolta torna positiva a luglio

(Corregge in quartultimo paragrafo parola afflussi con deflussi)

MILANO, 6 agosto (Reuters) - La raccolta del sistema fondi in Italia torna positiva a luglio, dopo che, il mese precedente, aveva visto ricomparire il segno meno.

Secondo i dati di Assogestioni, la raccolta è stata positiva per 1,804 miliardi di euro, mentre a giugno era stata negativa per 1,426 miliardi. Da inizio anno, il rosso ammonta a 12,581 miliardi. In effetti, il sistema nel 2009 ha visto soltanto due mesi positivi, ovvero luglio e maggio, quando la raccolta aveva mostrato il primo segno più dall‘agosto 2007.

Il patrimonio dell‘industria è risalito a 412,578 miliardi da 401,264 miliardi, segno che i capitali stanno tornando ad affluire verso il risparmio gestito.

“La crisi delle banche è finita”, commenta Saverio Scelzo, amministratore delegato di Copernico Sim. Gli istituti “sono tornati a spingere i fondi”, come testimoniano i dati di raccolta dei principali operatori (vedi tabella).

Guardando alle categorie, sorprendente performance degli obbligazionari, che hanno registrato afflussi per 1,074 miliardi (-730 milioni a giugno). Secondo l‘Ad di Copernico si tratta dell‘impatto delle “aspettative di rialzo dei tassi”, che spingono alcune categorie di investitori, poco avvezze a navigare in mari difficili, “a delegare a terzi”. Scelzo ipotizza “una riconversione dei pronti contro termine verso i fondi obbligazionari”.

Si conferma il buon momento dell‘azionario, che ha visto una raccolta positiva per 561 milioni (+43 milioni il mese precedente). “E’ l‘effetto dell‘andamento delle borse”, evidenzia Scelzo. “Si compra sui rialzi e si vende sui ribassi”.

E tornano a vedere il segno più i fondi di liquidità: +655 milioni, dopo il rosso di 480 milioni di giugno.

Poco significative le performance dei bilanciati (-44 milioni, da +44 milioni di giugno) e dei flessibili (+142 milioni, da -55 milioni).

Prosegue l‘emorragia dagli hedge: -584 milioni, da -129 milioni di giugno. “E’ una sopresa”, dice Scelzo di Copernico Sim, che si attendeva un recupero degli hedge. “Evidentemente, gli investitori professionali vogliono abbandonare questi prodotti poco trasparenti e poco liquidi, preferendo rischiare direttamente”.

PREMIATI FONDI DI DIRITTO ESTERO

Analizzando i dati in base al domicilio, i fondi di diritto italiano hanno registrato deflussi per 75 milioni di euro (-1,466 miliardi a giugno), mentre i fondi di diritto estero hanno segnato una raccolta positiva per 1,879 miliardi (+159 milioni a giugno). Assogestioni sottolinea che il dato sui fondi di diritto estero è provvisorio perché la raccolta complessiva sarà disponibile con la pubblicazione trimestrale della mappa del risparmio gestito.

“Agli italiani piacciono gli stranieri”, sintetizza Scelzo. “Forse per una maggiore efficienza, probabilmente perché sono maggiormente spinti”. I gestori stranieri “sono percepiti come migliori di quelli italiani”, con la conseguenza che “si va consolidando una tendenza al multibrand”.

In conclusione, “la sensazione è che la luce che stiamo vedendo in fondo al tunnel non sia un treno, ma è la luce del sole”, afferma Scelzo. L‘industria del risparmio gestito, dunque, sembra avviata a finire l‘anno in crescendo.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below