23 settembre 2015 / 09:59 / tra 2 anni

PUNTO 1-Risparmio gestito, flussi frenano ma restano positivi per 6,43 mld ad agosto

(Aggiunge commento Pioneer, dettagli)

MILANO, 23 settembre (Reuters) - Frena rispetto a luglio ma resta positiva per 6,43 miliardi di euro la raccolta del sistema del risparmio gestito ad agosto, mese segnato da forti turbolenze sui mercati finanziari.

Il picco di volatilità sui mercati, alimentato dalla decisione della banca centrale cinese di lasciar svalutare il cambio, ha tuttavia eroso il patrimonio dell‘industria, che scende a 1.718 miliardi circa dai 1.746 miliardi di luglio.

E’ quanto emerge dai dati preliminari diffusi stamani da Assogestioni, che ha avviato l‘organizzazione del Salone del Risparmio in agenda dal 6 all‘8 aprile 2016.

Il bilancio dei flussi positivi da inizio anno si attesta a 111,5 miliardi.

Più in dettaglio, le gestioni collettive - rappresentate essenzialmente dai fondi aperti - hanno visto entrare ad agosto 4,32 miliardi e le gestioni patrimoniali 2,1 miliardi, con una raccolta concentrata in prevalenza sui mandati istituzionali (1,8 miliardi).

I flessibili restano i prodotti preferiti, con sottoscrizioni per 3,725 miliardi e, per il quarto mese consecutivo, registrano flussi in entrata i fondi di liquidità.

La raccolta di 1,66 miliardi di agosto porta a oltre 5 miliardi il bilancio da inizio anno di questi prodotti, un risultato che sorprende in un contesto di tassi di mercato schiacciati ai minimi.

“L‘investimento in prodotti monetari rappresenta una sorta di parcheggio per i clienti che attendono una maggiore calma dei mercati per rientrare successivamente in altre tipologie di attivo”, spiega Cinzia Tagliabue, CEO Pioneer Investments Italia aggiungendo che, tuttavia, la controllata di Unicredit non ha evidenze di questo trend nei propri dati di raccolta.

A fare le spese dell‘instabilità agostana dei mercati finanziari sono stati, a livello di sistema, i fondi azionari e soprattutto obbligazionari che hanno visto uscire rispettivamente 400 e 835 milioni circa; in tenuta i bilanciati, con una raccolta per 192 milioni.

I primi tre gruppi per patrimonio, Generali, Intesa Sanpaolo e Pioneer Investments di Unicredit , vedono entrare oltre un miliardo di nuova liquidità, con una raccolta rispettivamente di 1,1, 1,53 e 1,63 miliardi.

“I collocatori che distribuiscono i nostri prodotti stanno suggerendo ai clienti delle strategie che prevedono ampia delega al gestore, compresa quella di proteggere i portafogli in caso di turbolenze dei mercati”, sottolinea Tagliabue. “Ed è proprio quello che si è verificato nei nostri portafogli con le coperture poste preventivamente in essere in primavera e che sono scattate durante il mese di agosto, permettendoci di proteggere i portafogli rispetto ad un importante ritracciamento di tutti gli indici sia azionari che obbligazionari”.

I riscatti più consistenti hanno interessato i fondi di M&G Investments (-472 milioni), Franklin Templeton Investments (-307 milioni) e Kairos Partners (-251,5 milioni).

Lo spaccato per domicilio conferma la preferenza per i prodotti di diritto estero, che raccolgono quasi 2,9 miliardi (1,46 miliardi quelli italiani), con uno scarto di circa 40 miliardi tra i primi e i secondi da inizio anno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below