Mid Industry, consigliere Sanvito contesta congruità Opa Vei-Palladio

venerdì 17 luglio 2015 13:34
 

MILANO, 17 luglio (Reuters) - Laura Sanvito, consigliere indipendente di Mid Industry Capital, l'8 luglio scorso in Cda ha votato contro l'approvazione del comunicato sul lancio dell'Opa da parte di Vei Capital-Palladio Finanziaria.

E' quanto si legge in un comunicato emesso dall'investment company su richiesta di Consob.

Sanvito contestava il parere di Kpmg sulla congruità dell'offerta (l'Opa è partita il 13 luglio scorso) e sottolinea la discrepanza che emerge "fra la decisione di questo consiglio di mantenere la partecipazione in Mar-Ter (l'unico asset nel portafoglio di Mic) a bilancio a un valore di 7,7 mln di euro e un'eventuale decisione odierna di avallare un parere basato su un equity value di 3,7-6,3 milioni di euro".

Sanvito contestava anche la struttura dell'offerta di Vei, "che presuppone un pagamento differito".

Il rappresentante di Kpmg, Simone Maurizio, ha difeso le metodologie utilizzate per stabilire la congruità dell'offerta. Ma non ha convinto Sanvito, che ha confermato il voto contrario.

L'amministratore delegato di Mic, Paolo Bassi, aveva rilevato che "non vi è nulla di anomalo nella circostanza che Kpmg abbia determinato un equity value della controllata Mar-Ter diverso dal valore cui la stessa partecipazione è iscritta nel bilancio di Mic, in quanto la valutazione in bilancio della partecipazione... fa riferimento a una nozione di valore recuperabile dell'investimento che può avere prospettiva di lungo termine e in taluni casi, per varie ragioni, differire dal presumibile valore di scambio in una determinata contingenza di mercato".

Sanvito, dunque, ha fatto proprie alcune delle argomentazioni utilizzate da First Capital, primo azionista di Mic con il 29% circa del capitale, per contestare l'Opa di Vei.

Ieri l'assemblea di Mic ha approvato il bilancio 2014, che era stato bocciato il precedente 25 maggio, ma i rappresentanti di First Capital non si sono presentati.

  Continua...