Venture Italia, 71 operazioni (+8%) in 2014, investiti circa 80 mln - rapporto

martedì 14 luglio 2015 15:01
 

MILANO, 14 luglio (Reuters) - L'industria del venture capital italiano, sebbene ancora piccola, continua a crescere. E' quanto emerge dallo studio realizzato dall'osservatorio Venture capital monitor (VeM) dell'università di Castellanza e da Aifi, l'associazione italiana del private equity.

Il 2014, è stato spiegato nel corso di una conferenza stampa, si è chiuso con 71 investimenti in seed e startup, con un aumento dell'8% rispetto all'anno precedente.

La presentazione del rapporto è stata anche l'occasione per preannunciare il lancio di una piattaforma online dedicata al settore, un market place che nascerà dalla collaborazione tra Aifi e Fondo Italiano d'Investimento (Fii).

L'obiettivo, ha spiegato Innocenzo Cipolletta, presidente di Aifi, "è accrescere le dimensioni e migliorare la qualità dell'offerta". La presentazione ufficiale dell'iniziativa dovrebbe avvenire "presumibilmente ad inizio novembre".

Cipolletta è tornato a sollecitare il coinvolgimento nel venture capital del "capitale paziente", ovvero dei fondi pensione, sinora quasi del tutto assenti.

Gabriele Cappellini, AD del Fii, ha ricordato le varie iniziative che il fondo sta mettendo in campo per aumentare le dimensioni del venture capital italiano, dal fondo di fondi (che ha un obiettivo di raccolta di 150 milioni) al progetto Caravella con il Fei. E quanto alla possibilità di un intervento diretto a livello governativo per stimolare l'industria, Cappellini ha sottolineato la carenza di risorse pubbliche e ha chiosato che, ad ogni modo, "non si devono fare iniziative a fondo perduto".

Tornando ai risultati del rapporto, da sottolineare che il 41% dei deal è stato effettuato in cordata, spesso con l'affiancamento agli operatori più strutturati di business angels o altre tipologie di investitori.

I sei operatori principali, tra cui le quotate Digital Magis e LVenture, hanno rappresentato circa il 50% del mercato.

Nel complesso, sono stati investiti circa 80 milioni, tra operazioni di seed capital (ammontare medio di 0,3 milioni) e startup (1,4 milioni), dato in crescita rispetto al 2013.   Continua...