BORSE EUROPA - Indici tonici su risultati società, occhi su Bce

giovedì 5 marzo 2015 10:39
 

INDICI                           ORE 10,24   VAR %    CHIUS. 2014
 EUROSTOXX50                      3591,65     0,23     3146,43
 FTSEUROFIRST300                  1560,32     0,21     1368,52
 STOXX BANCHE                     205,86      -0,43    188,77
 STOXX OIL&GAS                    315,65      0,35     284,47
 STOXX ASSICURAZIONI              286,27      0,43     250,55
 STOXX AUTO                       637,04      1,04     501,31
 STOXX TLC                        371,44      0,13     320,05
 STOXX TECH                       354,91      0,26     312,18
            
   5 marzo (Reuters) - I mercati azionari europei partono tonici oggi,
entusiasmati da alcuni risultati societari come quelli di Carrefour e
Schroders.
    Gli occhi degli investitori sono puntati anche sul meeting Bce che dovrebbe
fornire ulteriori dettagli su Qe.
    Le azioni Carrefour guadagnano l'1,8% dopo l'annuncio della volontà di
mettere il turbo alle spese di capitale quest'anno per tenentare di consolidare
la ripresa dei suoi iptermercati in Europa ed espandersi nell'emergente mercato
brasiliano.
    Il fund manager britannico Schroders svetta del 2,5% dopo un utile pretasse
superiore alle attese con una raccolta netta più che triplicata a 24,8 miliardi
di sterline.
    Circa l'80% delle società dello STOXX Europe 600 hanno pubblicato i
propri risultati mettendo a segno un incremento degli utili intorno al 22% che,
secondo i dati Thomson Reuters Starmine, rappresenta il miglior risultato di
stagione per l'Europa da metà 2011.
    "I risultati delle aziende sono incoraggianti", ha detto Joffrey Ouafqa,
fund manager della parigina Auris Gestion Privee.   
    "Le società hanno fatto un gran lavoro in termini di ristrutturazioni e
adesso hanno una forte capacità operativa. Un piccolo incremento dei ricavi
basta a spingere in alto gli utili", ha aggiunto.
    Alle 10,25 italiane, l'indice FTSEurofirst 300 segna +0,22% a
1.560,50 punti dopo aver chiuso in aumento dello 0,76% ieri, tornando vicino al
massimo da sette anni toccato a inizio della settimana.
    In controtendenza i minerari con l'Anglo American, in flessione di
circa lo 0,9%, dopo che la Cina ha annunciato un rallentamento della crescita
2015 al 7%, sotto l'obiettivo 2014 del +7,5%, spiegando che il più ristretto
margine di crescita da 25 anni sarà la "nuova normalità" per la seconda economia
mondiale.
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia