Hedge fund, delusione 2014 non abbastanza per fermare afflussi in 2015-sondaggio

martedì 3 marzo 2015 10:27
 

LONDRA, 3 marzo (Reuters) - I rendimenti dei fondi hedge sono stati inferiori alle previsioni per due terzi degli investitori secondo un sondaggio condotto da Deutsche Bank; ma il patrimonio dell'industria è destinato ad aumentare quest'anno superando i 3.000 miliardi di dollari.

Le masse dei fondi hedge sono più che raddoppiate dai tempi della crisi finanziaria, alimentate dalla domanda degli investitori istituzionali, nonostante alcuni fondi pensione di alto profilo abbiano riscattato le posizioni l'anno scorso citando rendimenti risicati e commissioni alte.

I portafogli hedge hanno reso in media il 5,26% l'anno scorso, secondo l'indagine condotta fra 425 hedge fund allocators globali con un totale di 28.200 miliardi di dollari di masse; la performance è inferiore all'obiettivo atteso dai partecipanti del sondaggio di un ritorno medio ponderato dell'8,11%. Nello stesso anno l'indice delle blue chip britanniche FTSE 100 ha perso il 2,7%, lo Standard & Poor's 500 ha guadagnato il 15,4% e il decennale Usa è salito del 10,4%.

Per il 2015 le aspettative di rendimento sono state significativamente riviste al ribasso. Solo il 14% dei partecipanti ha ancora un obiettivo a doppia cifra, una percentuale in sensibile calo rispetto al 37% di inizio 2014, in un contesto di accelerazione dei flussi.

"Questo è coerente con il cambiamento del tipo di investitore avvenuto dopo la crisi, cioè il fatto che due dei tremila miliardi viene da investitori istituzionali", osserva Daniel Caplan, European head of global prime finance di Deutsche Bank.

"E' l'evoluzione di quanto i fondi hedge puntano a produrre per il loro gruppo di investitori più significativo. I rendimenti corretti per il rischio sono molto, molto più importanti per gli investitori istituzionali".

Le strategie "Event-driven", "long-short" e "macro" dovrebbero dare i migliori risultati nel 2015 secondo l'indagine; Nordamerica, Europa e Giappone dovrebbero essere invece le aree più promettenti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia