Fondi, emergenti catalizzano flussi in trim2 - Mappa Assogestioni

martedì 2 settembre 2014 12:22
 

MILANO, 2 settembre (Reuters) - Se i flessibili si confermano i fondi preferiti, la scorsa primavera ha visto un'accelerazione della raccolta dei fondi obbligazionari - in particolare di quelli "misti" (per quasi 2 miliardi) e dei paesi emergenti (1,1 miliardi) - e un rallentamento dei fondi azionari, soprattutto dei prodotti che investono nelle borse delle due sponde dell'Atlantico.

E' quanto emerge dalla mappa trimestrale del risparmio gestito, a cura di Assogestioni, che conferma il momento d'oro dei fondi.

Più nel dettaglio, nel secondo trimestre tornano a accogliere gli obbligazionari dei paesi emergenti dopo i deflussi per 1,26 miliardi del periodo gennaio-marzo. Il periodo vede tornare le sottoscrizioni anche sugli azionari dei paesi emergenti (+276,1 milioni) che, nei primi tre mesi, avevano visto deflussi per oltre un miliardo. A livello di comparti azionari, inoltre, si segnala un cambio di rotta (fra primo e secondo trimestre) dei flussi verso i prodotti che investono in titoli della salute (a -116 da +347 milioni) e nell'energia (a 151,4 da -18,1 milioni).

Il secondo trimestre segna infine la ripresa dei flussi verso le gestioni di prodotti assicurativi, in nero per 10,5 miliardi dopo i riscatti per 2,76 miliardi dei primi tre mesi; le sottoscrizioni di mandati di gestione di prodotti come le unit-linked (5,8 miliardi da riscatti per 9,3 miliardi circa nei primi tre mesi) e le "gestioni separate" (4,8 miliardi) compensano i deflussi dalla categoria "altre gestioni" (-1,5 miliardi da -4,6 miliardi) e contribuiscono a più che raddoppiare la raccolta delle gestioni di portafoglio rispetto al primo trimestre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia