BB Biotech conferma politica distribuzione capitale, ottimista su settore

giovedì 5 dicembre 2013 15:32
 

MILANO, 5 dicembre (Reuters) - BB Biotech conferma la politica di ridistribuzione fino al 10% l'anno del capitale e si dice molto ottimista sulle prospettive del settore.

Le previsioni sono state formulate da Klaus Strein, membro del Cda del fondo elvetico, e da Tazio Storni, uno dei componenti del team di gestione, nel corso di un incontro con la comunità finanziaria.

"Confermiamo la politica di ridistribuzione del capitale", ha affermato Storni, ovvero fino al 10% l'anno, articolato in una distribuzione in cash ottimizzata fiscalmente del 5% e un buyback azionario per il restante 5%.

Strein ha illustrato gli ultimi sviluppi nel campo del biotech, con particolare attenzione a terapie per la cura del cancro, Alzheimer ed epatite C; quest'ultima, ha spiegato, "colpisce oltre il 5% della popolazione in Italia" e circa 100 milioni di persone nel mondo. Il dato clamoroso è che quasi il 50% dei malati di epatite C non viene curato. A partire dal 2015, però, è stato spiegato, si prevede che Gilead (la posizione di maggior peso nel portafoglio di BB Biotech) lanci sul mercato un cocktail di farmaci che accorcerà i tempi della terapia e aumenterà le probabilità di guarigione. Insomma, il mercato dovrebbe balzare da 1-2 miliardi del 2011 a oltre 10 miliardi di dollari.

Il caso dell'epatite C è soltanto uno dei fattori che rende il management del fondo molto ottimista sulle prospettive del settore.

BB Biotech prevede che il fatturato globale del biotech quest'anno crescerà dell'8% e nel 2014 del 10%. "Stimiamo una crescita media annua del 10% nel periodo 2013-2016", ha detto Storni.

Più in dettaglio, il fondo prevede che le società in portafoglio nel periodo 2012-2017 registreranno una crescita media annua dei ricavi del 20%.

Inoltre, c'è il carburante fornito dall'attività di M&A. "Il settore farmaceutico ha il problema della sostituzione dei prodotti che hanno perso il brevetto", ha aggiunto Storni. Di conseguenza, "le società biotech continueranno ad essere oggetto di acquisizioni nei prossimi anni".

BB Biotech conferma la strategia di avere 5-8 partecipazioni strategiche e 20-30 partecipazioni complessive, nonché l'obiettivo di conseguire un rendimento del 15% l'anno.   Continua...