PUNTO 1-Rcs, Cdr Corsera avvia iniziative giudiziarie su vendita Solferino

lunedì 4 novembre 2013 19:23
 

(Aggiunge dettagli da atto Cdr)

MILANO, 4 novembre (Reuters) - Il comitato di redazione del Corriere della Sera ha deciso di avviare formalmente le iniziative di carattere giudiziario per difendere la sede di Via Solferino, messa in vendita dal gruppo Rcs MediaGroup, sulla quale domani in tarda serata si riunirà il consiglio di amministrazione.

Il Cdr ha infatti preparato un atto di significazione che sarà notificato nei prossimi giorni da un ufficiale giudiziario a consiglieri e azionisti.

Secondo i giornalisti del Corriere, la cessione di via Solferino "rappresenta un danno anche dal punto di vista patrimoniale".

"Blackstone sarebbe pronta a offrire una cifra intorno ai 120 milioni, una cifra assolutamente inadeguata ai valori attribuiti dal mercato al solo blocco di San Marco (almeno 200 milioni di euro, fino a pochi mesi fa)", si legge nell'atto di significazione.

"Il comitato di redazione, titolare di azioni di Rcs MediaGroup, si riserva pertanto di valutare l'avvio di un'azione di responsabilità a carico del consiglio di amministrazione e degli azionisti", prosegue l'atto.

"Il piano di finanziamento firmato dalle banche creditrici e da Rcs MediaGroup prevede che l'azienda proceda a un piano di dismissioni per 250 milioni entro il 31 dicembre 2014", ricorda l'atto. "C'è dunque più di un anno di tempo: non c'è ragione per procedere con operazioni di svendita rovinose da tutti i punti di vista".

La vendita di via Solferino - osserva il Cdr - significherebbe "sfigurare l'identità del primo quotidiano italiano" e "nessun altro giornale in Italia, e forse in Europa, può contare su un legame così stretto, così intenso, così significativo tra sede e attività giornalistica".

  Continua...