Moviemax, I&S e Sintesi vivaci su riassetto gruppo e richiesta fallimenti

venerdì 25 ottobre 2013 15:06
 

MILANO, 25 ottobre (Reuters) - Moviemax e Sintesi brillano a Piazza Affari dopo che la prima ha ricevuto un'offerta d'acquisto per poco meno del 30% del capitale, sebbene subordinata all'archiviazione della richiesta di fallimento della stessa Moviemax.

Attorno alle 15,10, Moviemax è in asta di volatilità e segna un rialzo teorico del 9,96%, a 0,0784 euro, dopo aver registrato un prezzo massimo valido di 0,0818 euro.

Sintesi sale dell'2,63%, a 0,1209 euro, dopo aver toccato un picco di 0,1297 euro.

Positiva anche Investimenti e Sviluppo, che controlla Moviemax e fa capo a Sintesi, a sua volta oggetto della richiesta di fallimento da parte della procura: +1,8%, a 0,79 euro, dopo aver registrato un massimo di 0,85 euro.

Ieri, Sintesi ha pubblicato un comunicato in cui ricorda che, il 4 ottobre scorso, "la Procura della Repubblica ha sottoposto al Tribunale di Milano una domanda di dichiarazione di fallimento nei confronti della società controllata Investimenti e Sviluppo e delle controllate indirette Moviemax Media Group e Moviemax Italia in ragione di un supposto stato di insolvenza, contestando alle stesse l'incapacità di soddisfare con regolarità le proprie obbligazioni".

Le udienze sulle richieste di fallimento si terranno nel mese di novembre.

Sintesi dice che sta valutando gli effetti dell'eventuale fallimento delle società sul gruppo.

Il 18 ottobre scorso, ricorda la nota, il socio di controllo di Sintesi, A.C. Holding, ha chiesto l'adozione di nuove linee strategiche, con relativa modifica della catena di controllo.

In particolare, "è prevista la dismissione/riduzione delle partecipazioni di maggioranza attualmente presenti nel portafoglio del gruppo e la focalizzazione delle attività nell'offerta di servizi di advisory, nonché nell'investimento in asset o strumenti finanziari che non comportino l'assunzione del controllo nelle realtà d'interesse".   Continua...