Rcs, Cda previsto il 30 settembre su cessione immobili - fonte

venerdì 20 settembre 2013 16:54
 

MILANO, 20 settembre (Reuters) - Dovrebbe tenersi il 30 settembre il Cda di Rcs per fare il punto sulla cessione degli immobili milanesi di Via San Marco e via Solferino.

Il consiglio, dice una fonte vicina alla situazione, non è ancora stato convocato ma "con ogni probabilità la data è il 30".

Rcs ha in corso trattative in esclusiva con il fondo Usa Blackstone per vendere gli immobili del centro di Milano in cui hanno sede le redazioni di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport; l'obiettivo è chiudere l'operazione entro l'anno. Inizialmente il perimetro riguardava solo l'edificio moderno di via San Marco, ma recentemente le trattative si sono estese alla sede storica del Corriere di via Solferino, sollevando nuove proteste da parte di giornalisti e poligrafici. Tra le ipotesi allo studio c'è quella di riaffitto degli spazi alla stessa Rcs.

La salvaguardia di un luogo storico dall'alto valore simbolico per la città di Milano era stata in passato una battaglia condivisa anche da alcuni azionisti del gruppo. "Oggi mi pare che nessuno voglia alzare barricate. Dopo lo sforzo dell'aumento di capitale di questa estate, se c'è da fare cassa con le cessioni per rafforzare il gruppo non credo che ci sarà nessuno che si opporrà", commenta una seconda fonte. Rcs ha una delega per un aumento da altri 200 milioni di euro circa entro il 2015 dopo aver raccolto a luglio 410 milioni.

Proseguono intanto i lavori per la revisione del patto di sindacato uscito fortemente modificato dalla ricapitalizzazione di luglio e in scadenza il prossimo marzo. Il 7 ottobre si terrà un incontro tra i pattisti e sono in corso i contatti anche con i soci esterni al patto: "Bisogna vedere se con una riforma del patto è possibile trovare una soluzione che vada bene a tutti", prosegue la fonte ricordando che uno dei temi cruciali è il ruolo rilevante assunto da Fiat unito alla prospettiva di più di una disdetta dall'accordo parasociale. L'impressione è che per ora la questione non abbia ancora trovato una soluzione. "E' possibile che la riunione del 7 non sia quella definitiva", conclude.

A fine luglio il patto ha rinviato la scadenza per le disdette dal 14 settembre a fine ottobre.

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia