RPT - Parmalat, fondi criticano operazione LAG, AD difende correttezza Cda

venerdì 14 giugno 2013 13:41
 

(elimina appunti fuori testo)

PARMA, 14 giugno (Reuters) - I fondi azionisti di Parmalat criticano ancora una volta l'operazione di acquisizione di LAG, sollevando anche dubbi sul processo di aggiustamento del prezzo, mentre l'AD del gruppo di Collecchio, Yvon Guerin, ribadisce la correttezza dell'operato dell'azienda.

Arturo Albano, di Talete Corporate Governance Consulting, in assemblea su delega di 23 fondi rappresentanti il 3,3% del capitale, ha criticato la scarsa trasparenza informativa da parte della società, soprattutto in merito alle vicende giudiziarie, prima di tornare sulla vicenda dell'acquisizione di LAG.

"Ci sono ancora troppe zone d'ombra sull'acquisizione di LAG", ha detto Albano nell'assemblea convocata per approvare il bilancio 2012 e per pronunciarsi sulla sostituzione del consigliere Antonio Sala.

Albano ha quindi ribadito le critiche sul prezzo pagato da Parmalat a Lactalis per acquisire LAG e ha sottolineato che permane "l'impressione di una società gestita nel prevalente interesse dell'azionista di maggioranza". Lactalis controlla l'82,4% del gruppo di Collecchio.

Il rappresentante dei fondi ha quindi messo in evidenza alcune criticità relative all'aggiustamento del prezzo, sottolineando che le ultime decisioni della società "non fanno cambiare l'impressione che il vero scopo operazione fosse trasferire la cassa da Parmalat a Lactalis".

Lo scorso 30 maggio Parmalat ha accettato la proposta di Lactalis di ridurre il prezzo di acquisto di LAG di 130 milioni di dollari.

L'AD di Parmalat, Yvon Guerin, ha invece difeso le decisioni assunte dal consiglio di amministrazione nell'operazione.

"Abbiamo sempre fornito la nostra più ampia collaborazione all'autorità giudiziaria nel convincimento della correttezza del nostro operato", ha detto Guerin.   Continua...