Private equity, deal Europa ancora in calo in trim3 - report

martedì 23 ottobre 2012 15:17
 

MILANO, 23 ottobre (Reuters) - Non si arresta la contrazione dell'industria del private equity in Europa. Nel terzo trimestre, infatti - secondo quanto emerge dal report 'Private equity barometer', realizzato dalla rivista unquote, in collaborazione con Arle Capital Partners - i deal sono calati, in termini di numero, del 35%, a quota 182, mentre se si guarda al controvalore la flessione è pari al 14%, a 11,7 miliardi di euro.

E' cresciuta, dunque, la dimensione media delle transazioni, arrivata a 64,4 milioni, il massimo da oltre un anno.

Per quanto riguarda le sole operazioni di buyout, il calo è del 15% in numero e del 4% in controvalore, meno di quanto registrato nei trimestri precedenti. Significativo l'incremento dell'attività nel segmento del mid-market, ovvero deal con un controvalore compreso tra 100 milioni e 1 miliardo.

Nella graduatoria delle maggiori operazioni di buyout non figura alcun deal italiano. Al primo posto c'è l'acquisizione di Wood Mackenzie da parte di Chartherhouse e Hellman & Friedman (1,365 miliardi).

Per quanto riguarda le transazioni di growth capital, in classifica figura l'ingresso del Fondo Italiano d'Investimento in Megadyne (20 milioni).

Va ricordato che il report è basato su dati preliminari, che vengono aggiornati alla fine del trimestre successivo. Capita, di conseguenze, che vengano conteggiate operazioni non ancora arrivate al closing, come accadde nel rapporto precedente con la società farmaceutica italiana Rottapharm, deal naufragato in vicinanza del traguardo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia