TerniEnergia, disponibili ad aumenti, aggregazioni per crescere - AD

venerdì 12 ottobre 2012 12:10
 

MILANO, 12 ottobre (Reuters) - L'azionista di maggioranza di TerniEnergia è disponibile a valutare aumenti di capitale per aprire il capitale a nuovi azionisti e aggregazioni industriali, che consentano al gruppo di compiere il salto dimensionale indipensabile per competere a livello internazionale.

E' quanto ha detto Stefano Neri, presidente e amministratore delegato di TerniEnergia, intervenendo al worshop annuale organizzato dalla società umbra, nella sede di Borsa Italiana.

A Neri, secondo quanto si legge sul sito Consob, fa capo (attraverso Italeaf, 5,721%, Terni Enterprise for Research and New Industries, 56,469%, e a titolo personale, 0,288%) il 62,478% del capitale di TerniEnergia.

"Siamo apertissimi a partnership", ha affermato Neri, "aumenti di capitale: l'importante è crescere, non c'è alternativa".

Neri ha indicato "una dimensione pari ad almeno cinque volte quella attuale" per cogliere le occasioni che si stanno aprendo nel settore delle energie rinnovabili a livello internazionale. E ha indicato il trattamento dei rifiuti e dell'acqua come le nuove frontiere del comparto.

A margine dell'evento, interpellato sulla natura dei soggetti che vedrebbe come partner ideali, Neri ha risposto: "Non c'è nessun motivo di urgenza, ma è un'opportunità che si può cogliere nei settori green. E l'aspetto dimensionale è fondamentale. Sono settori fortemente finanziarizzati, ad alta densità di capitale".

Al nome di F2i, il presidente e AD ha replicato che "potrebbe essere un interlocutore. I fondi infrastrutturali sono idonei, ma hanno il limite che investono in asset esistenti. Per l'attività di impresa 'purosangue' ci vorrebbe il capitale di rischio, quindi venture capitale e private equity".

Neri ha aggiunto di guardare "anche ad aggregazioni di tipo industriale", facendo il nome di Falck Renew che, però, "ha la sua storia, è difficile andare a toccarla. Ma sarebbe molto bello creare un soggetto in grado di competere a livello internazionale".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia