Risparmio Gestito, direttiva Ucits IV entrerà presto in vigore

giovedì 10 maggio 2012 15:34
 

MILANO, 10 maggio (Reuters) - La cosiddetta "Ucits IV" (Undertakings for Collective Investment in Transferable Securities) entrerà in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, attesa per la prossima settimana, degli atti normativi di Consob e Banca d'Italia che completano il recepimento della direttiva.

La direttiva Ucits IV, che riforma la normativa comunitaria in materia di OICVM (organismi di investimento collettivo in valori mobiliari) con l'obiettivo di favorire una maggiore integrazione ed efficienza del mercato, è già stata recepita in seguito alle modifiche al TUF (Testo Unico della Finanza) effettuate con decreto legislativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 di aprile scorso.

Assogestioni, in una circolare diffusa alle proprie associate di cui Reuters è venuta in possesso, constata che le disposizioni del decreto accolgono molte delle istanze dell'industria espresse nel documento conclusivo della "task force" dell'associazione per l'attuazione in Italia della direttiva. In particolare sarà possibile non solo agli Oicr armonizzati ma anche a quelli non armonizzati costituire strutture "master feeder" e, nel caso di offerte in Italia di Oicr esteri armonizzati, verrà attribuita ad una unica autorità di vigilanza, la Consob, la competenza a ricevere la documentazione funzionale all'esercizio del passaporto del prodotto.

Assogestioni ricorda che per le offerte al pubblico di quote o azioni di Oicr italiani armonizzati in corso alla data di entrata in vigore del decreto, il 13 maggio, il termine ultimo entro il quale gli offerenti dovranno provvedere alla sostituzione del prospetto semplificato con il nuovo documento previsto dalla direttiva e chiamato KIID (Key Investor Informations Document) è fissato al 30 giugno di quest'anno.

Proprio la struttura della documentazione di offerta, con la consegna all'investitore di questo documento contenente le informazioni chiave del prodotto, rappresenta una delle principali modifiche che sono state effettuate al regolamento emittenti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia