RPT-Fideuram, netto 2011 in calo a 175,1 mln dopo svalutazioni Grecia

mercoledì 14 marzo 2012 17:05
 

(Precisa impatto svalutazione bond greci)

MILANO, 14 marzo (Reuters) - Banca Fideuram, gruppo Intesa Sanpaolo, ha chiuso il 2011 con un utile netto di 175,1 milioni di euro, in calo del 17,2% rispetto al 2010 a causa di svalutazioni sui bond greci per 133,8 milioni che impattano per 89,5 milioni.

Il dato normalizzato mostra un incremento del 18,9% sul 2010 a 275 milioni, spiega una nota.

Il Cda ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 0,041 euro per azione contro la cedola di 0,12 euro del 2010.

La raccolta netta totale è stata di 1,7 miliardi in calo di 184 milioni rispetto al 2010, mentre le masse amministrate a fine anno erano pari a 70,9 miliardi (-0,9%).

Il margine di interesse è salito del 13,5% a 140,4 milioni di euro per un cost/income che è sceso al 44,5%.

Per ciò che riguarda i coefficienti patrimoniali, il Tier 1 si attesta al 16,9%, in miglioramento dal 14,2% del 2010.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia