Reg. Lombardia stringe trattativa con banche su derivati - fonte

mercoledì 29 febbraio 2012 12:39
 

MILANO, 29 febbraio (Reuters) - Si stringe la trattativa tra Regione Lombardia e Ubs per un possibile accordo sui derivati, che dovrebbe dare una sistemazione anche alla questione dei bond greci contenuti nel fondo di ammortamento del bond regionale 2032.

Lo afferma una fonte, secondo cui la trattativa è entrata in una fase "estremamente delicata".

"L'ipotesi è quella di un accordo che somigli a quello del Comune (di Milano), anche se alla lontana", spiega la fonte.

A quanto emerge le parti starebbero studiando una soluzione per alleggerire il rischio Grecia che grava sulla Regione, ad esempio sostituendo i bond incriminati con titoli di Stato italiani.

"L'ipotesi è ragionevole, si punta a spostare il rischio da Grecia a Italia" ammette la fonte.

Ad accelerare i ritmi della trattativa è stata - a quanto precisa la fonte - la comunicazione fatta ieri da Ubs alla Regione di non voler aderire, per quel che riguarda i titoli in questione, al piano volontario di svalutazione dei bond greci detenuti dai creditori privati, contenuto nel secondo pacchetto di aiuti alla Grecia.

"Quei bond non saranno svalutati, quello che capiterà ora dipende dall'evoluzione della vicenda greca" aggiunge la fonte .

Stamane Il Sole 24 Ore ipotizza come sbocco della trattativa il riacquisto dei titoli greci da parte di Ubs.

Tra Lombardia e banche (oltre a Ubs anche Merrill Lynch ) è in corso presso l'alta Corte di Londra una causa per risarcimento danni tra Lombardia: l'accusa, per le banche, è di aver caricato costi occulti per quasi 100 milioni in occasione del collocamento del bond, nel 2002. Al momento le parti sono impegnate nella fase di mediazione imposta dal giudice britannico.   Continua...