PUNTO 1-Risparmio gestito, 2012 inizia con riscatti per 3,9 mld

martedì 28 febbraio 2012 12:31
 

(Aggiunge dettagli, commento)

MILANO, 28 febbraio (Reuters) - Il 2012 inizia con riscatti di 3,96 miliardi di euro per il sistema del risparmio gestito in Italia, proseguendo il trend negativo che ha visto archiviare l'anno scorso con un'emorragia di quasi 41 miliardi (-14,85 miliardi negli ultimi due anni).

E' quanto emerge dalla mappa mensile del settore messa a punto da Assogestioni, che contiene dati preliminari.

Il patrimonio dell'industria, a dispetto dei deflussi, cresce fino a 947,7 miliardi di euro grazie al positivo andamento dei mercati e all'attività di gestione.

Le fuoriuscite più consistenti si concentrano, ancora una volta, sulle gestioni collettive (-3,173 miliardi), penalizzando innanzitutto i fondi monetari (-1,1 miliardi). Le gestioni di portafoglio vedono fuggire 791 milioni, di cui 814 da quelle retail.

"Il vero problema è la concorrenza della raccolta diretta del canale bancario", ha detto a Reuters Alessandro Negri, responsabile area commerciale di Symphonia sgr. "Per la nostra industria non è semplice fare concorrenza ai tassi elevati offerti dai conti di deposito delle banche che, in più, si avvantaggiano del senso di sicurezza che produce nei clienti il fatto di affidare i propri risparmi a un ente che gode della garanzia statale".

In via secondaria, secondo Negri, incentivano i deflussi le performance dei fondi poco soddisfacenti dell'anno scorso.

"Le necessità di funding delle banche domineranno ancora tutto il 2012 ma mi auguro che nella ultima parte dell'anno la concorrenza dei conti di deposito si ridimensioni, specialmente se continuerà il trend positivo di performance dei fondi (che abbiamo visto a inizio anno)", ha aggiunto.

A sostenere la maggiore parte dei riscatti sono, anche a gennaio, i fondi di diritto italiano, che accusano un saldo negativo per oltre due miliardi a fronte del rosso per 942 milioni dei fondi di diritto estero. Nell'ambito delle sole gestioni collettive il 64% del patrimonio, circa 274 miliardi di euro, è gestito in prodotti di diritto estero. Ai fondi di diritto italiano sono affidati 152 miliardi di euro.   Continua...