Falck Renew, PensionDanmark non in contatto per investimenti

venerdì 25 novembre 2011 16:50
 

MILANO, 25 novembre (Reuters) - PensionDanmark, società di asset management danese, non è interessata a rilevare una partecipazione nel capitale di Falck Renewables.

E' quanto dice a Reuters, attraverso una mail, il responsabile dell'ufficio stampa di PensionDanmark, Michael Carlsen.

"Non siamo in contatto per effettuare investimenti in Falck Renewables", si legge nel messaggio.

PensionDanmark, che a fine 2010 aveva in gestione asset per 14,2 miliardi di euro, figura tra i pretendenti citati dal settimanale 'Il Mondo'.

Tra gli altri vengono indicati gli operatori di private equity Blackstone , da cui non è stato possibile al momento avere una dichiarazione, e 3i , che, tramite una portavoce, ha fatto sapere che non vuole commentare le indiscrezioni di stampa. Inoltre, la lista dei presunti pretendenti ad un ingresso nel capitale di Falck Renew comprende il fondo Reef di Deutsche Bank , l'Abu Dhabi Retirement Fund, Blackrock e Nautilus Renewables, tutti soggetti da cui, per ora, non è stato possibile avere un commento.

Secondo il settimanale, il gruppo Falck sarebbe "pronto a valorizzare una robusta quota di minoranza delle attività renewable" e parla della disponibilità a vendere una partecipazione del 40-49%.

Il 7 ottobre scorso, parlando dalla Sardegna, Piero Manzoni, AD di Falck Renew, aveva dichiarato che "alcuni fondi infrastrutturali e pensione nordici sono interessati alle nostre centrali... Hanno chiesto informazioni dettagliate, ma non c'è ancora un'offerta impegnativa".

Manzoni aveva spiegato che questi soggetti sarebbero interessati a rilevare quote di minoranza (20-40%) nelle centrali Falck in Gran Bretangna, Francia, Spagna e Italia, ma non aveva fatto riferimento alla cessione di una quota del capitale.

Falck Renew, attorno alle 16,45 italiane, guadagna l'1,3%, a 0,7770 euro, dopo aver toccato un massimo di 0,8050 euro. Il titolo ha toccato i minimi storici il 2 ottobre scorso, a 0,6710 euro, livello decisamente lontano dai picchi dell'anno, segnati il 17 gennaio, a 2,32 euro.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129709, Reuters messaging: massimo.gaia.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia