PORTAFOGLI-DWS scarico di lunghi Italia, punta su convertibili

giovedì 24 novembre 2011 12:17
 

* Attenta scelta strumento di investimento vale più di stock picking

* Equity Italia, scommessa su player globali o di nicchia

* Occhi a corporate bond ma potrebbero non scontare ancora frenata economia

MILANO, 24 novembre (Reuters) - Convertibili a prezzo da saldo ma anche opzioni e certificates per navigare la volatilità: per chi cerca un proficuo rapporto fra rischio e rendimento con i mercati in altalena, più che lo "stock picking" vale infatti "l'instrument picking", ovvero l'attenta selezione dello strumento di investimento.

Parola del responsabile del team "Multi Asset" di DWS Investments Christian Hille che, in un'intervista scritta a Reuters, non esclude azioni di aziende italiane dal proprio orizzonte di investimento, ma si tiene alla larga dai titoli di stato tricolori con scadenze lunghe.

"In un portafoglio multi-asset, quest'anno, una buona asset allocation e la scelta degli strumenti giusti per esprimere le proprie convinzioni sui mercati sono più importanti per la performance della scelta delle singole azioni", ha detto il gestore di una delle strutture di risparmio gestito del gruppo Deutsche Bank.

Prima dell'impennata della volatilità, DWS Investments aveva trasferito parte della propria esposizione alle borse europee in opzioni "call" (di acquisto) "in the money" (dove cioè il prezzo del sottostante è superiore a quello di esercizio e che quindi è conveniente esercitare).

"Questo ha ridotto il rischio di ribassi del portafoglio, mantenendo però la possibilità di partecipare al rialzo delle borse, (strategia ndr) che ha funzionato bene nei mesi scorsi", ha spiegato Hille, a capo di un team che gestisce 9 miliardi di euro.

Più di recente, il gestore ha deciso di scommettere sulle valutazioni interessanti delle obbligazioni convertibili e di avvantaggiarsi delle caratteristiche dei cosiddetti "certificates" "che hanno un discreto cuscinetto in caso di discesa dei mercati e beneficiano di mercati laterali o in rialzo" per riuscire a generare rendimenti supplementari. I certificates sono strumenti finanziari derivati cartolarizzati che replicano, con o senza effetto leva, l'andamento dell'attività sottostante.   Continua...